11 Marzo 2019 17:46

GUARDA VENETA

Aggredisce una ragazza per rubarle il cellulare: in manette

Incastrato dalle telecamere, un giovane gambiano è stato arrestato dai carabinieri


GUARDA VENETA –  E’ stato incastrato dalle scarpe e dalla bicicletta. Un giovane di 25 anni, originario della Gambia, lo scorso 18 agosto, aveva aggredito per strada a Pontecchio una giovane di 23 anni per rubarle il telefonino. L’aveva strattonata e gettata a terra, procurandole anche delle lesioni personali, prima di scappare con il suo cellulare a bordo di una bicicletta. Il ragazzo, però, non si è reso conto di essere stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza, che hanno registrato in modo chiaro il suo abbigliamento e il suo mezzo di trasporto a due ruote.

Proprio grazie alle immagini, i carabinieri di Polesella, in collaborazione con il nucleo radiomobile di Rovigo e il nucleo cinofilo di Torreglia, sono riusciti a risalire alla sua identità. E, in accordo con la Procura della Repubblica, questa mattina, lunedì 11 marzo, hanno organizzato una perquisizione a casa del giovane gambiano. Una volta entrati nella sua abitazione di Guarda Veneta i carabinieri hanno subito notato che la bicicletta usata dal giovane era la stessa che era stata ripresa dalle telecamere, così come le sue scarpe da tennis: a quel punto non c’è stato alcun dubbio, era stato proprio lui ad aggredire la 23enne a Pontecchio. Inoltre, sempre dentro a quella casa, sono stati trovati anche due grammi di marijuana.

Alla vista dei militari, però, il ragazzo è andato in escandescenza e ha iniziato ad aggredire pure loro. Il gambiano quindi è stato immobilizzato e arrestato, ora anche con l’accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.