11 Febbraio 2019 12:49

POLIZIA LOCALE ROVIGO

Tolleranza zero contro i falsari

Il comandante Giovanni Tesoro e l'esperto di falso documentale Riccardo Evangelista fanno formazione all'anagrafe
Il comandante Giovanni Tesoro e l'esperto di falso documentale Riccardo Evangelista


ROVIGO – Ufficio Anagrafe e Polizia Locale insieme per smascherare banconote e documenti falsi. Nei giorni scorsi, negli uffici dell’Anagrafe e Stato civile del Comune di Rovigo, si è tenuta la prima giornata di formazione in cui la polizia locale di Rovigo – alla presenza del comandante Giovanni Tesoro e dell’agente Riccardo Evangelista, specializzato nella lotta al falso documentale – ha illustrato le tecniche di produzione delle banconote e i moderni sistemi di sicurezza che inserisce la Zecca dello Stato per renderne difficile la falsificazione.

Agli sportelli dell’anagrafe e Stato civile, decine e decine di cittadini quotidianamente pagano i documenti richiesti con banconote di cui è opportuno accertare la autenticità.

Sono state quindi illustrate le modalità più immediate di riconoscimento delle banconote false: sia quelle che si possono effettuare ad occhio nudo, sia quelle che si avvalgono di semplici strumenti quali il “lentino di ingrandimento” o la lampada a raggi ultravioletti. Comunque, la polizia locale, nei casi dubbi, ha dato la disponibilità ad approfondire l’analisi avvalendosi degli strumenti tecnologici del suo laboratorio scientifico.

“Questo primo incontro – spiega la nota stampa del Comune di Rovigo – prelude a successivi incontri più complessi che verteranno sull’analisi dei documenti falsi che a volte possono essere presentati agli sportelli del Comune. Agli sportelli dell’anagrafe-Stato civile vengono, infatti, presentati quotidianamente documenti provenienti da ogni Paese del mondo eil singolo operatore, con formazione amministrativa, non può avere conoscenza di tutti i tipi di documenti e di tutte le tecniche di falsificazione. È però opportuno che acquisisca conoscenze sufficienti a metterlo all’erta, quando il documento si presenta in modo sospetto. Potrà così attivare la Polizia Locale al fine di ottenere una perizia che ne certifichi o meno l’autenticità”.

“La sinergia tra uffici è il miglior modo per offrire e garantire servizi di qualità ai cittadini – spiega il Sindaco di Rovigo, Massimo Bergamin – Grazie all’eccellenza del nostro comando di polizia locale sui falsi documentali, riconosciuta a livello internazionale, abbiamo voluto coinvolgere i nostri uffici per tutelare l’ente e i cittadini che, correttamente, rispettano la legge. E’ un risultato importante che si inserisce nel più ampio programma di rispetto della legalità alla base della mia azione amministrativa”.

 

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.