19 Febbraio 2019 14:25

FAEDESFA

“Crescere? Per noi significa pensare al prossimo”

E' possibile sostenere la Onlus col 5X1000
ARTICOLO SPONSORIZZATO


FRATTA POLESINE – Crescere significa anche pensare al prossimo. Questa la mission che la onlus Fàedèsfa, associazione senza scopo di lucro, si ripromette di compiere giorno dopo giorno per i più piccoli e per chi ha bisogno. Una crescita quella di questa realtà polesana, che da Fratta Polesine ha visto portare il proprio contributo in tutta Italia.

È una missione condivisa da tutti coloro che fanno parte dell’associazione e da chiunque voglia aiutare a farla crescere un passo alla volta. Dare il proprio piccolo grande contributo è possibile non solo tramite donazioni, ma anche grazie al 5×1000: la quota che ogni cittadino può destinare ad enti no profit è la possibilità per Fàedèsfa di essere parte attiva del territorio, anche a livello nazionale.

Con il tuo contributo potrai fare del bene come già è stato fatto per la vita degli altri. Basta donare il proprio 5 per mille nella dichiarazione dei redditi, dopo la firma, al codice fiscale 93034440292. Tante sono state le azioni benefiche in cui la onlus si è distinta, ottenendo non soltanto ringraziamenti, ma anche legami profondi che continuano nel tempo. È tutto il team di Fàedèsfa a mettere per primo le proprie risorse e anche la propria faccia.

Alcune opere realizzate da Fàedèsfa. Nell’ormai lontano febbraio 2017 il grande obiettivo è stato quello di aiutare Amatrice, cittadina colpita dal terribile terremoto che ha distrutto abitazioni e messo in ginocchio tante famiglie. Per portare il proprio contributo, Fàedèsfa ha donato una lavanderia in servizio per gli abitanti di Amatrice, per 80mila euro di donazione. Non solo: altri 15mila euro sono stati poi donati dopo un pranzo solidale alla cittadina di Pirozzi, anch’essa colpita dal sisma. Nel maggio 2017, Fàedèsfa, in collaborazione con ASM SET e Femi Cz Rugby Rovigo Delta, ha preso parte a una lotteria di beneficenza. In palio l’attesa maglia di gioco della prima squadra dei Bersaglieri, autografata dai campioni per aiutare il reparto di pediatria dell’ospedale di Rovigo.

E ancora, sempre nel 2017, l’associazione in collaborazione con l’azienda sanitaria Ulss5 ha organizzato l’evento “Una manovra per la vita”. Più di 700 persone per l’occasione hanno partecipato all’inaugurazione della tensostruttura Fàedèsfa Onlus Lab. I medici del reparto di pediatria dell’ospedale di Rovigo e istruttori del Simeup (società italiana di medicina di emergenza e urgenza pediatrica) hanno insegnato a eseguire le manovre sui bambini in caso di soffocamento delle vie aeree. Insomma, la prima “manovra per la vita” organizzata in Polesine.

Come non dimenticare poi la bellissima Viola, una bambina affetta da osteogenesi imperfetta che necessitava di una carrozzina speciale. Il presidente della onlus, Andrea Pezzuolo, dopo aver conosciuto la sua storia non ci ha pensato due volte e, con l’aiuto dell’azienda Salvatore Ferragamo, ha deciso di donarle un sorriso con un evento che a Montelupo Fiorentino presso “Le scuderie de l’Antinoro” ha raccolto non solo 300 persone da Toscana ed Emilia Romagna, ma anche quei 9mila euro che servivano per l’acquisto di una carrozzina elettrica.

Questi sono solo alcuni dei momenti indimenticabili curati dalla onlus polesana Fàedèsfa. Ma nel tempo potranno essere sempre di più se sempre più persone vi saranno a fare parte concretamente, anche solo con un piccolo gesto, di questa generosa famiglia.

“Al di là delle tante azioni positive che abbiamo già fatto, l’importante per noi è farne ancora e farne sempre di più – commenta il presidente Andrea Pezzuolo – Sono gli stessi operativi di Fàedèsfa, senza i quali nulla di tutto questo sarebbe possibile, ad essere i primi grandi aiuti della onlus. Ma sarà ancora più bello quando avremo anche l’aiuto di tante altre persone, simpatizzanti e seguaci, grazie al 5 per mille. È uno strumento che può cambiare davvero la vita. E sempre soltanto per il bene degli altri».

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.