10 Gennaio 2019 22:01

IL CASO A ROVIGO

Prende il bimbo e fugge all’estero: condannata la madre

La donna dovrà anche risarcire l'ex coniuge


ROVIGO – Si era anche rivolta al centro antiviolenza del Polesine, ma, a quanto emerso nel corso del processo chiuso nella mattinata di giovedì 10 gennaio di fronte al giudice del Tribunale di Rovigo Raffaele Belvederi, la vittima non era lei. Bensì il marito, al quale la donna, in fase di separazione, avrebbe sottratto il figlio, andandosene poi in Polonia e rendendo all’ex coniuge un incubo la frequentazione del piccolo. Una storia complessa e dolorosa, quella approdata all’attenzione del magistrato e conclusa con la condanna della donna a due anni, con sospensione condizionale della pena.

L’imputata, inoltre, dovrà provvedere al pagamento delle spese processuali e a un risarcimento nei confronti dell’ex coniuge, un 50enne residente a Rovigo, il cui importo dovrà essere determinato dal giudice civile. Come provvisionale, ossia anticipo, il magistrato ha comunque indicato una somma di 20mila euro. Sanzione accessoria rispetto alla condanna è poi la sospensione della donna per quattro anni dalla potestà genitoriale.

I fatti, secondo la ricostruzione approdata in aula, risalgono all’inverno del 2015. A quell’epoca la donna, pure in pendenza di un procedimento civile a Rovigo, avente a oggetto l’affidamento del minore, lo avrebbe preso e se ne sarebbe andata in Polonia, rendendo estremamente difficoltoso al padre vederlo. L’uomo, nella vicenda, era costituito parte civile, assistito dall’avvocato Gloria Zanchetto di Rovigo, mentre la difesa dell’imputata era  a un avvocato di Mantova.

Le motivazioni della sentenza saranno depositate, secondo il dispositivo letto in aula dal giudice, entro 15 giorni. A quel punto la difesa potrà presentare Appello.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.