06 dicembre 2018 08:24

ALLARME IN POLESINE

Promettono un accredito e ti svuotano il conto: nuova truffa

Ecco come funziona e come difendersi


ROVIGO – Si inserisce la propria tessera nel Postamat, digitando un codice, fiduciosi di ottenere l’accredito promesso, e si subisce, invece, un pesantissimo prelievo pirata di danaro. E’ una dinamica truffaldina che si sta diffondendo sempre più, anche in Polesine, dopo le prime avvisaglie, verso la metà di ottobre (LEGGI ARTICOLO). Si tratta di un raggiro che ribalta il tradizionale meccanismo delle truffe online: mentre, infatti, in passato queste vedevano spesso colui che metteva in vendita su siti specializzati un determinato bene incassare il dovuto e poi non consegnare nulla, ora accade l’inverso: il truffatore è l’acquirente.

Quest’ultimo, secondo le testimonianze, infatti, risponde a una inserzione, dicendosi interessato ad acquistare quanto proposto. Invita, per il pagamento, a operare direttamente via Postamat, spiegando al venditore che basta che si rechi allo sportello più vicino, inserisca la propria tessere, inserisca un determinato codice e si veda accreditato l’importo concordato. In realtà, questa procedura ha come esito finale quella di fare perdere al venditore centinaia e centinaia di euro.

L’ultimo a subire questo raggiro è stato un 37enne di Torreglia, che aveva messo in vendita la propria mountain bike, un modello di pregio. Si era accordato con un giovane che aveva risposto all’annuncio, per un prezzo di mille euro. In realtà, invece di ricevere un accredito per quella somma, recatosi allo sportello ha visto il proprio conto prosciugato di 800 euro. Questa volta, però, il personale della polizia postale è riuscito a individuare il responsabile, un 27enne del Bassopolesine, denunciato.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.