06 dicembre 2018 16:14

LA GIORNATA INTERNAZIONALE

Municipio illuminato di bianco contro la pena di morte

L'iniziativa del Comune di Adria che ha anche organizzato un incontro sul tema


ADRIA – L’amministrazione comunale di Adria, in continuità con la giunta Lodo che ha decretato, durante il suo mandato, “Adria città per la vita contro la pena di morte”, ha aderito il 30 novembre alla 17° edizione della Giornata Internazionale contro la pena di morte. Questa data è divenuta un appuntamento mondiale e ricorda la prima abolizione della pena capitale da parte di uno stato: il Granducato di Toscana nel 1786.

E’ stata organizzata, in collaborazione con la  Comunità “Sant’ Egidio” e con il centro studi “Agnese Baggio”,   in sala consigliare, una partecipata conferenza. Ha moderato l’incontro la consigliera comunale con delega agli eventi culturali Oriana Trombin. Dopo il saluto iniziale del sindaco Omar Barbierato, ha preso la parola la signora Fiorella Libanoro che ha spiegato  la sua lunga e fruttuosa collaborazione con la comunità Sant’Egidio.

Di seguito il dottor Luca Zatterin ha spiegato come la sua comunità si sia fatta promotrice fin dal 2002 di celebrare in Italia questa giornata. Il relatore ha continuato il suo intervento con alcuni racconti di condannati a morte e ha reso partecipe il pubblico di questa realtà drammatica presente ancora in molti paesi del mondo. C’è stato quindi l’intervento del signor Maurizio Zerilli del gruppo di preghiera di Sant’Egidio di Rovigo. Nel dibattito finale è emersa la necessità di combattere tutte le cause che portano alla morte, dalle morti bianche sul lavoro, agli incidenti mortali sulle strade, alle tante forme di mancanza di rispetto e di accoglienza per la vita.

Per dare un segno visibile alla giornata mondiale  per la vita,  è stato illuminato di luce bianca, parte della sede municipale.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.