08 novembre 2018 18:49

LA RABBIA DI MORETTO

Tutto quello che Bergamin non ha fatto per le frazioni



Come dimenticare in campagna elettorale la vicinanza del candidato sindaco Bergamin alle frazioni, che non dovevano più essere luogo dormitorio essendo meritevoli di tanta importanza quanta il centro storico. Da queste premesse sarebbe stato logico aspettarsi a sindaco eletto un interesse vero da parte dell’amministrazione comunale nei confronti delle varie realtà frazionali con risposte concrete ai bisogni, con fatti che andassero a soluzionare le più disparate criticità.

Ebbene, siamo al quarto anno addentrato e nulla, e ripeto nulla, è stato fatto. Un’amministrazione normale arrivata a questo punto, a più del 75% del suo mandato, inizia a tagliare nastri. Ma non per quella di Rovigo. A quella di Rovigo basta parlare, dire che sta dalla parte dei cittadini e che sta lavorando giorno e notte. Ma tutto sempre e solo a parole. Di fatti manco l’ombra.

L’unica opera realizzata, sbandierata con tanto di conferenza stampa con i consiglieri leghisti tutti impettiti, è l’installazione di tre fontanelle lungo la pista ciclabile (proposta caldeggiata anche dal sottoscritto). Il che dovrebbe essere nulla più che ordinaria amministrazione.

Nulla si fa neanche sotto il profilo della sicurezza. Con riferimento alla realtà di Buso, dopo incontri tra cittadini e componenti di Giunta e dopo innumerevoli interrogazioni presentate dal sottoscritto in sede di consiglio comunale nei quali si manifestavano necessità tanto sentite e ancora oggi di attuali, nulla è stato fatto. C’è veramente da sentirsi presi in giro. Sono nuovamente a sollecitare un rapido intervento al fine di mettere in sicurezza la frazione e i suoi abitanti. Sempre attuale e ancora più sentita è la richiesta di installazione di dossi e/o velobox lungo le vie della frazione, dato che le auto sfrecciano a velocità ben al di sopra del limite consentito, minando la sicurezza dei cittadini.

A questo deve aggiungersi l’assoluta necessità di intervento sulla segnaletica. Infatti, nell’incrocio principale della frazione, quello tra viale Angeli e viale Ippolito Nievo, la segnaletica orizzontale manca del tutto e quella verticale è di scarsa visibilità. Questo porta coloro i quali non conoscono la zona ad attraversare detto incrocio senza rispettare precedenza alcuna, aumentando esponenzialmente così la probabilità di sinistri. Da ultimo, ma non per minor importanza, è la questione rotatoria Buso-Sarzano. Sono a sensibilizzare ancora di più l’amministrazione comunale a concretizzare la promessa di realizzazione della rotatoria. Attraversare quel maledetto incrocio è da sempre azione che richiede un preventivo segno della croce. Fin troppi incidenti sono capitati in quel punto.. Invito pertanto caldamente l’amministrazione ad intervenire con la massima sollecitudine.

Mattia Moretto
consigliere comunale Pd

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.