07 novembre 2018 20:45

LAVORI PUBBLICI ROVIGO

Rotatoria Buso-Sarzano, gira e rigira è colpa della burocrazia: lavori nel 2019

L'assessore Saccardin respinge le accuse e chiarisce l'aumento dei costi e l'iter burocratico


ROVIGO – Non c’è stata alcuna perdita di tempo e non è neanche un problema di risorse. La rotatoria lungo la “strada del mare”, quella che collega Rovigo ad Adria passando davanti all’ospedale civile di Rovigo, si farà ma rispettando i tempi che la burocrazia impone. Tempi che, secondo quanto ha spiegato oggi, 7 ottobre, l’assessore ai Lavori pubblici Gianni Antonio Saccardin affiancato dal sindaco Massimo Bergamin, prevedono la consegna dei lavori, se tutto va bene, entro la prima metà di ottobre 2019.

Facendo un excursus sull’iter che il progetto deve seguire, Saccardin ed il primo cittadino hanno risposto così alle polemiche sollevate ieri, 6 ottobre, dai consiglieri comunali della Lega Matteo Zanotto e Fabio Benetti (LEGGI ARTICOLO). Ad incidere sui tempi, non sono solo le procedure amministrative, tra le quali due passaggi in consiglio comunale, ma anche le procedure di esproprio che si sono rese necessarie a seguito delle richieste presentate dal Consorzio di bonifica. Richieste che sono arrivate dopo quelle di Acquevenete e di Apretigas, rispettivamente la società che gestisce le reti idriche e quella della rete del gas. Che dovranno spostare le proprie condutture per permettere la realizzazione dell’opera.

Che la rotatoria sia fondamentale per risolvere un punto nero della viabilità cittadina, però, è chiaro: attualmente, come i consiglieri Zanotto e Benetti hanno riferito, l’incrocio situato pochi metri dopo l’ingresso dell’ospedale in direzione Adria, e che collega via Porta a mare con la frazione di Sarzano a nord e Buso a sud, è pericoloso ed è stato finora teatro di numerosi incidenti. Ma ci vorrà almeno un anno perché inizino i lavori.
Per intenderci, l’iter che il progetto ha iniziato e che dovrà seguire nei prossimi mesi è il seguente.

  • La Regione Veneto ha dato l’ok al progetto della rotatoria Buso – Sarzano a luglio 2017. L’importo totale dei lavori era di 517mila euro. Metà a carico del Comune di Rovigo, metà sovvenzionato dalla Regione Veneto.
  • Sono quindi stati compiuti i passaggi formali in Urbanistica.
  • A fine 2017 sono state convocate le conferenze dei servizi di acqua, luce, gas e Consorzio di bonifica.
  • A gennaio – febbraio 2018, Acquevenete, gestore del servizio idrico ha calcolato una necessità per effettuare i lavori di spostamento della condotta idrica di circa 90mila euro più Iva. Il gestore del gas, Apretigas, per lo spostamento del metanodotto ha calcolato un aumento dei costi per 22.500 euro più Iva. Il totale è di 137mila euro extra che il Comune di Rovigo ha recuperato con la manovra di bilancio di luglio 2018.
  • Il Consorzio di bonifica, nel frattempo, ha dichiarato di necessitare di 6 metri in più del previsto per effettuare la manutenzione.
  • Il prezzario regionale per gli espropri è cambiato e sono stati aggiornati i costi. La rotatoria da un costo iniziale di 517mila, ad oggi, ha un costo di 734mila euro.
  • La giunta comunale entro il mese di novembre 2018 provvederà a deliberare il progetto.
    Verranno quindi riavviate le procedure di esproprio. Sono previsti 30 giorni per le osservazione delle ditte espropriate.
  • Il Comune potrà effettuare le sue controdeduzioni.
  • Il consiglio comunale adotterà la variante del vincolo preordinato all’esproprio.
  • Seguiranno 30 giorni per le osservazioni presentabili da chiunque fosse interessato e le controdeduzioni del Comune.
  • La Provincia di Rovigo, quale ente delegato dalla Regione avrà 90 giorni per esprimere un suo parere sulla richiesta di adozione della variante come previsto dal Testo Unico degli espropri. Vale anche il silenzio assenso.
  • Il consiglio comunale provvederà quindi alla approvazione del progetto.
  • La giunta comunale approverà il progetto definitivo e dichiarerà la pubblica utilità.
  • Si procederà con il progetto esecutivo.
  • Si procederà a bandire la gara.
  • La consegna dei lavori è prevista per ottobre 2019.
DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.