10 ottobre 2018 11:37

LA GIOIA DEL SINDACO

“Ci avete liberato dalla baby gang: grazie”

I complimenti del primo cittadino alla questura


ROVIGO – “E’ con grandissima gioia che ringrazio la polizia, per aver dimostrato ancora una volta grande professionalità, determinazione e coraggio”. E’ quanto ha affermato il sindaco Massimo Bergamin a seguito dell’individuazione dei responsabili, due minorenni, di vari episodi delittuosi avvenuti in città. “I nostri agenti – ha proseguito il sindaco – sono sempre in prima linea a tutela della comunità. A tutti loro dunque rinnovo il mio ringraziamento e l’abbraccio della città”.

Il riferimento del sindaco è all’operazione del personale della questura di Rovigo che ha consentito alla Procura di chiedere e ottenere due misure cautelari a carico di altrettanti minorenni. Uno, portato in carcere, l’altro in comunità (LEGGI ARTICOLO). Le misure fanno riferimento a quanto avvenuto nella notte tra 9 e 10 agosto scorso, al negozio “Non solo Divise” di corso Del Popolo. Quella notte, secondo questa ricostruzione dei fatti, tramite spaccata della vetrina, vennero rubate in tutto sei pistole, finte ma indistinguibili da quelle vere.

Quattro di queste sarebbero quindi state abbandonate durante la fuga, mentre altre due, allo stato, risultano ancora introvabili. L’idea degli investigatori è che le due repliche di vere armi da fuoco potessero essere utilizzate per mettere a segno altri reati. Non a caso, i due sarebbero indagati anche in altri episodio violenti, per esempio le rapine, ai danni di minorenni, che questa estate tra luglio e agosto si sono verificate nella zona di Piazza XX Settembre.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.