27 settembre 2018 18:55

SCUOLA ROVIGO

Tutti insieme per il futuro dei nostri giovani

Ai nastri di partenza il progetto Sinergie per viaggio sicuro


ROVIGO – Dopo la presentazione ufficiale dello scorso 5 settembre, il progetto Sinergie per un viaggio sicuro, selezionato dall’impresa sociale Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, sta per entrare nel vivo. Il Centro Territoriale di Supporto ai Bisogni Educativi Speciali di Rovigo, soggetto responsabile del progetto, coordina una rete formata da 6 Comuni polesani e ben 13 enti partner, con l’obiettivo di contrastare il fenomeno dell’abbandono e della dispersione scolastica attraverso un ventaglio di iniziative che spazia dalla formazione ai servizi di ascolto, dai laboratori esperienziali allo sport, e molto altro ancora. In cabina di regia anche i Centri Territoriali per l’Integrazione di Adria e Rovigo. Sinergie per un viaggio sicuro coprirà l’anno scolastico appena iniziato e il prossimo ma ha l’ambizione di proiettare i suoi risultati anche in un futuro più lontano.

Martedì 25 settembre la scuola Bonifacio di Rovigo ha ospitato un importante step verso l’attivazione delle tante iniziative in calendario. Dalle ore 16 nell’auditorium si sono radunati i rappresentanti di tutto il mondo scolastico provinciale per un fondamentale momento di confronto che ha consentito alla maggior parte dei 13 enti protagonisti di Sinergie per un viaggio sicuro di formulare nel dettaglio la loro proposta.

“Il nostro progetto è rientrato tra gli 86 scelti a livello nazionale dall’impresa sociale Con i bambini e viene finanziato attraverso il ‘Bando Adolescenza’ con una cifra complessiva vicina ai 300mila euro – ha ricordato in apertura Lorella Ghiotti, responsabile di Sinergie per un viaggio sicuro – Dopo aver tradotto l’idea iniziale in un piano esecutivo, ora inizia la fase più importante: arrivare al target del progetto, ossia i ragazzi dagli 11 ai 17 anni a rischio di dispersione scolastica. Senza dimenticare le loro famiglie, anch’esse destinatarie delle tante attività, al pari degli insegnanti. Occorre avviare una stretta collaborazione con il mondo scolastico per agganciare il maggior numero possibile di studenti e coinvolgerli in maniera continuativa, garantendo risultati anche oltre i due anni di durata del progetto”.

Veneto Lavoro offre un’attività mirata alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado per rafforzare il concetto di “obbligo scolastico” e aiutare chi non ha ancora le idee chiare nella scelta dell’istituto superiore. Con Ere Italia si attiveranno percorsi di formazione rivolti agli insegnanti sul tema delle problematiche comportamentali ed emotive. La proposta di Altrinoi si concretizza in laboratori di movimento danzato, teatro, arte e restauro barche, destinati ad adolescenti disabili o con fragilità sociali. Di disabilità fisica e intellettiva si occupa anche Down Dadi, che allarga al progetto Sinergie per un viaggio sicuro le sue iniziative volte soprattutto a favorire l’autonomia. Il Coni Point di Rovigo metterà in campo laureati in Scienze Motorie per riportare, attraverso lo sport, la motivazione nei ragazzi a rischio di abbandono scolastico. Attraverso entusiasmanti esperienze in natura, Corte Carezzabella – Fattoria didattica metterà gli studenti nella condizione di dover risolvere problematiche solo attraverso la collaborazione e il lavoro di gruppo. L’Ulss 5 attiverà percorsi di sostegno alla genitorialità grazie a due psicologi. La Cooperativa sociale Peter Pan propone esperienze, laboratori e incontri destinati a migliorare l’autostima e l’autonomia di minori in situazioni familiari di disagio sociale, economico e culturale. Nel progetto rientra anche l’attività di ricerca e formazione del Centro Interdipartimentale di Ricerca in “Psicologia e Pedagogia dell’Infanzia” dell’Università di Padova, nonché quella strettamente divulgativa svolta dal Manto di Martino Onlus. Manca poco anche all’attivazione del servizio di ascolto online sull’apposita piattaforma creata nel sito www.ctsctirovigo.it: una zona protetta nella quale tutti potranno rifugiarsi per chiedere informazioni e aiuto in forma assolutamente anonima.

Tante le domande dei referenti scolastici ai rappresentanti dei vari enti partner intervenuti durante l’incontro, a dimostrazione del grande interesse suscitato da Sinergie per un viaggio sicuro. Presto intese di massima e accordi si tramuteranno in attività concrete per riportare i ragazzi in classe e prevenire la fuoriuscita di quelli a richio di abbandono scolastico.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.