29 Agosto 2018 19:47

ECCELLENZE DA GUSTARE

Vino polesano: il sapore di campagna in tavola tutto da (ri)scoprire

Il sommelier Fabrizio Borin ha incontrato i produttori Comini e Romani nella campagna tra Baruchella e Trecenta


GIACCIANO CON BARUCHELLA E TRECENTA – C’era una volta e ci sarà ancora il vino in Polesine; a passi lenti riscoprire le uve locali. Vini così così dal sapore di campagna, sulla tavola il “bottiglion”, bianchi e neri come 100 anni fa.

Da vecchie uve scontrose su sabbia dell’Adige e argilla, qualche vite ancora a piede franco, dove la distanza tra Adige e Po è la più breve, il piacere di bere e del buon vivere lentamente: Vittorio Comini e Gianni Romani uomini forti fanno i vini del ricordo, il Turchetta, il Benedina e il Mattarella, le uve invece si declinano al femminile, la Turchetta, la Benedina e la Mattarela, “vini veci” del contadino, ogni corte un filare, da bere in casa per stare insieme e fare festa fino agli anni ’60, ritrovati.

Misture di orizzonti senza luogo, tempo non tempo, le atmosfere sospese della campagna polesana tra Trecenta e Giacciano con Baruchella, battuta dal sole, il benessere passa per una originale Mattarella frizzante oro chiaro di frutti e fiori, fresco e sapido o per un Turchetta rosso rubino di frutti acerbi e fiori apppassiti, aspro, estivo e beverino.

E poi il “Benedin” del Malanco, terra da buon vino sull’argine sinistro dell’emissario da Pissatola verso Baruchella, il più singolare, fine e profumato dei tre, ben colorato di rosso, era “vin dei sposi” o delle feste patronali che quasi sempre coincidevano con la trebbiatura, ne sono rimasti solo 30 ceppi per fare appena 200 bottiglie.

In abbinamento con il salame da taglio e risi con i fagioli dei “Santi” o delle “undici e mezza” perché di rapida cottura, piantati poco profondi – dovevano “sentire le campane” che battevano le ore undici – piccoli color caffellatte con nuance di rosa e con buccia finissima si seminavano in aprile e si raccoglievano a luglio, poi si mettevano sull’aia ad essiccare e si battevano col tipico attrezzo, il “zerciaro”.

E poi con l’uva di San Martino, l’uva di seconda fioritura, si fanno i “sigoli”, non con mosto che serviva per fare il vino, ma con succo d’uva sbollentato e schiacciato con le mani, farina, zucchero e cotto per una buona merenda.

Cheers

Fabrizio Borin

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.