09 agosto 2018 18:43

RIQUALIFICAZIONE EX OSPEDALE

Maddalena, “Non è ancora detta la parola fine” 

Il consigliere Antonio Rossini: "Resto fiducioso, spero che cambino idea"


ROVIGO – Secondo il consigliere Antonio Rossini non è ancora detto che il progetto di riqualificazione dell’immobile ex Maddalena non vada a buon fine, nonostante l’approvazione al Senato del decreto milleproroghe che, di fatto, bloccherebbe l’intero finanziamento ai Comuni vincitori del bando per le periferie urbane (LEGGI ARTICOLO).

“Auspico  che il governo giallo-verde riveda la decisione di congelare i fondi che danneggerebbe oltre 100 sindaci impegnati nella lotta contro il degrado sociale – commenta Rossini – Non è politicamente ragionevole rinviare la possibilità che gli enti comunali abbiano a disposizione ingenti risorse economiche per salvaguardare il decoro urbano, tenuto conto che le amministrazioni comunali subiscono sempre più tagli sui finanziamenti statali e devono sottostare a stretto vincoli contabili, i 13,5 milioni euro per la riqualificazione della Commenda rappresentano ossigeno puro per la cittadinanza”.

“Inoltre, non si può ignorare il gravoso lavoro svolto dal personale del Comune di Rovigo,  che ha dedicato un assiduo impegno lavorativo per portare a compimento l’anzidetto progetto. Spero pertanto che i parlamentari di tutte le forze politiche convergano unitariamente per non far passare alla Camera  il blocco degli stanziamenti per la riqualificazione di aree degradate, sennò  sarebbe un grave errore politico che ricadrebbe sui cittadini e sui quartieri della città più bisognosi di interventi e di ordine sociale. Resto fiducioso”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.