09 agosto 2018 22:42

FIESSO UMBERTIANO

Il gioco dell’estate: caccia al fantasma

Una festa davvero speciale
Enigmi, giochi e passione per le vie del paese


FIESSO UMBERTIANO – Si è svolta la festa del campo estivo di Fiesso Umbertiano, coordinata dall’associazione Lilliput 2 in collaborazione col Comitato di gestione genitori ed il Comune di Fiesso Umbertiano.

Il tema del campo estivo di quest’estate era centrato sulla riscoperta del territorio, delle origini, dei luoghi che ci circondano, delle tradizioni. Anche la festa ha avuto come spunto proprio queste tematiche: gli educatori hanno, infatti, organizzato una caccia al tesoro. Anzi, una “caccia al fantasma”.

La serata è iniziata con una cena a buffet, in cui tutti i genitori hanno collaborato, mettendo a disposizione torte salate, pizzette, patatine, bibite e dolci portati da casa e condivise poi a tavola con tutti. Inoltre, il Comitato Festeggiamenti di Capitello ha riproposto la propria disponibilità, servendo piatti di pasta al ragù da loro preparati ed offerti gratuitamente.

Terminato il momento conviviale, un’improvvisa voce fuori campo ha raccontato la storia di una povera fanciulla sedotta ed abbandonata da un pirata che, nel momento di ripartire, le ha lasciato un dolce avvelenato. Da quel momento, il fantasma di questa ragazza vaga senza pace per il nostro paese. Una volta ascoltata la storia, gli educatori hanno diviso genitori e ragazzi in sei squadre, spiegato le dinamiche del gioco e dato loro i primi indizi per partire.

Coinvolgendo le varie attività del paese, che hanno prontamente collaborato ed offerto la loro disponibilità, è iniziata una caccia per le vie del paese: 7 tappe che ogni squadra doveva superare per poter arrivare all’indizio finale che portava direttamente alla Villa Vendramin. Proprio nei corridori semibui del palazzo comunale, residenza del 1700, si nascondeva, infatti, il fantasma che la squadra avrebbe dovuto evocare con una formula segreta decifrata grazie al loro ingegno.

I vari gruppi si sono sfidati a colpi di messaggi cifrati, codici morse, giochi d’abilità, indovinelli, esperimenti chimici, trucchi con le carte, fino ad arrivare, appunto, alla scoperta del fantasma. Tutto ciò in un clima di sano agonismo ma anche di grande divertimento e spensieratezza che ha unito grandi e piccini.

La serata si è conclusa con le premiazioni di tutti i partecipanti e una medaglia speciale è stata assegnata ai primi classificati. A fine serata il sindaco di Fiesso Umbertiano, Luigia Modonesi, ha ringraziato tutte le persone che hanno partecipato e dato fiducia all’amministrazione comunale e all’Associazione Lilliput2, a coloro che hanno collaborato allo svolgimento della festa, educatori e volontari in primis, auspicando ulteriori collaborazioni future volte allo sviluppo e alla crescita armonica dei ragazzi.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.