10 agosto 2018 14:00

L’ALLARME DEL SINDACATO

“Diventeranno privati anche i medici di base e il Suem”

Secondo la Cgil di Rovigo è imminente la privatizzazione anche dei medici sul territorio e del Suem. Senza dimenticare le Ipab
Da sinistra Fulvio Dal Zio, Davide Benazzo e Daniela Argenton


ROVIGO – Case di riposo, medici di base e addirittura il personale del Suem diventeranno tutti privati. Questo uno degli allarmi lanciati dalla Cgil in tema di sanità sull’intero territorio di Rovigo. Il grido di allarme arriva dal segretario generale Fulvio Dal Zio, ma anche dal segretario della Fp Davide Benazzo e i rappresentanti del sindacato Giuseppe Franchi e Daniela Argenton. “Un aspetto che ci preoccupa molto è la questione delle Ipab, dove la legge regionale di riforma presentata dopo la rielezione di Zaia è ancora lì ferma da anni. Questa invece è un punto importante altrimenti, il rischio di lasciare le cose così come stanno è una progressiva privatizzazione del comparto. Scaricando ancora una volta sui cittadini il costo di queste strutture”, tuona Fulvio Dal Zio.

“E non solo – aggiunge Benazzo – Il dramma è che nel nuovo piano sociosanitario si parla di accreditamenti per la medicina del territorio. In altre parole? La volontà di privatizzare anche i medici del territorio, i medici di base. E noi questo non lo possiamo accettare. Ma non è tutto. Dalla direzione dell’azienda sanitaria ci hanno anche chiaramente detto che a breve sarà esternalizzato anche il servizio del Suem. Un bel pacchetto di personale preso dall’esterno invece che assunzione di dipendenti. Ci dicono che non ci sono persone che partecipano ai bandi di concorso? Beh certo, già ci sono pochi specialisti in giro, e poi perché dovrebbero scegliere di venire proprio da noi quando perfino la Regione ha deciso che siamo l’ultima ruota del carro”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.