09 agosto 2018 20:08

STOP AL FINANZIAMENTO

Congelati i soldi per l’ex Maddalena, Romeo: “Il sindaco protesti o vada a casa”

La capogruppo Pd in consiglio comunale a Rovigo esorta Bergamin a protestare a palazzo Chigi


ROVIGO – “Se Rovigo perderà il finanziamento di 13,5 milioni di euro per il Maddalena, questo sindaco può andare a casa”. Non usa mezzi termini la capogruppo Pd in consiglio comunale Nadia Romeo intervenendo a gamba tesa sul tema che da ieri, 8 agosto, sta infiammando il clima politico già rovente di questa estate rodigina, ovvero il congelamento dei fondi ministeriali destinati al Bando periferie di cui anche Rovigo dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) godere per il progetto di riqualificazione dell’ex ospedale Maddalena (LEGGI ARTICOLO), progetto che già di per sé ha avuto una storia alquanto travagliata.

Sì, perché il provvedimento che blocca i fondi in questione è contenuto nel decreto Milleproroghe, è stato approvato al Senato ed ora è attesa del via libera di Montecitorio, mentre i sindaci di tutta Italia protestano per gli investimenti (voluti dai governi Renzi e Gentiloni) che si aspettavano e che invece sembra non arriveranno. La questione, che per Rovigo si quantifica in 13,5 milioni di euro ma che, a livello nazionale, vede in ballo in ballo quasi 4 miliardi di euro, di cui 2,1 statali e quasi altrettanti provenienti da fondi regionali e investimenti, ha creato diversi cortocircuiti. In primis all’interno del Partito democratico, dal momento che in aula a Palazzo Madama il Pd ha votato insieme alla maggioranza (compreso l’ex premier Matteo Renzi, come si può constatare nello stenografico della seduta al Senato).

Un altro cortocircuito, che è quello verso il quale punta il dito Nadia Romeo, è tra la giunta a trazione leghista di Rovigo ed il governo gialloverde di Lega e Movimento 5 stelle. “Se del governo ‘Renziloni’ il sindaco si è sempre lamentato – afferma Romeo – benché sia quello che ha stanziato i soldi, mi aspetto che vada sotto a Palazzo Chigi a protestare proprio perché c’è un governo amico e che faccia tutto quello che è indispensabile fare per salvare il finanziamento. Fino alla scorsa settimana in consiglio comunale ci è stato detto che il progetto poteva essere modificato come aveva fatto sapere il Ministero. Ma quando sono stati a Roma per questo motivo, non sapevano del Milleproroghe? Tutto questo mi fa pensare che questo governo sia davvero improvvisato”.

A questo punto la capogruppo affonda: “Oltretutto questi soldi potrebbero essere già a Rovigo se il progetto fosse stato portato avanti in modo regolare. Se ora andranno persi la colpa è del sindaco e del governo amico. Per questo invito il sindaco a fare di tutto per rivendicarli altrimenti vada pure a casa”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.