#perbacco

11 luglio 2018 20:16

#PERBACCO

Gioia di bere: una vigna in laguna, un vino unico al mondo



Per caso, a passi lenti nella vigna ritrovare il tempo; le grandi annate del Venissa, con Roberto Cipresso lunedì 9 luglio un’esperienza sensoriale in laguna, il winemaker e la vigna dietro il muro di uva d’oro, sull’acqua e terra salata, alla scoperta di un vino unico al mondo, ritrovato da un vigneto perduto.

Vino d’oro tra terra ed acqua, raro da uva Dorona nella laguna di Venezia, in esclusiva degustazione verticale le annate 2010, 2011, 2012 e 2013 di Venissa.

“Originalità, autorevolezza, solennità e monumentalita sono i caratteri delle prime quattro annate di un vino d’autore che interpreta la materia, gli aromi e il gusto di un luogo idilliaco e della sua storia, la Venezia nativa” ha dichiarato Cipresso, 55 anni di Bassano del Grappa, viaggiatore sulle vigne del mondo, eclettico, visionario e spirituale creatore di vini d’autore, produttore e autore di libri sul vino, uscirà il 1° ottobre il suo “ Vino: il romanzo segreto” edizioni Piemme, Venissa è la sua idea di quello che il luogo racconta che diventa visione, capolavoro liquido.

Riscoperta in un giardino a Torcello, un’uva antica e perduta la Dorona veneziana, nella vigna murata un ‘clos’ circondato dall’acqua su tre dei quattro lati nell’isola di Mazzorbo è diventato un vino unico al mondo, il Venissa, vino marittimo e d’autore, del tempo e della storia, vino icona, elegante da collezione.

Oro anche nella bottiglia ideata dall’artista del vetro di Murano Giovanni Moretti, solamente 4000 bottiglie ad annata con foglia d’oro e numerate a mano.

Nel sottoportico della tenuta di fronte al vigneto l’esperienza sensoriale della Venezia invisibile di un tempo, lentezza e misura, una vigna, un muro e l’isola, la Dorona, l’uva d’oro dei dogi veneziani, diventa un vino bianco vinificato sulle bucce, per esaltare sapori e colore da Desiderio Bisol e Roberto Cipresso, in un terroir limite le molteplici complessità di un luogo unico, che non fa parte del vigneto ma sta tutto intorno, un’esperienza emozionale di un vino, oro sontuoso di festa barocca, che guarda ad oriente dalla laguna della Venezia Nativa.

Cheers

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.