22 luglio 2018 00:23

VOCI PER LA LIBERTA'

Da Sanremo a piazzale Europa: Mirkoeilcane incanta Rosolina

Si è aperto anche il concorso con  i primi 4 semifinalisti in gara

ROSOLINA MARE – Seconda serata live per il festival musicale dedicato ai diritti umani Voci per la libertà – Una Canzone per Amnesty, giunto ormai alla XXI edizione. Sul palco dell’Arena di piazzale Europa di Rosolina Mare si sono alternati venerdì sera i primi 4 semifinalisti in e due ospiti d’eccezione: Waira, giovane finalista degli UploadSounds 2018, e il cantautore romano Mirkoeilcane, Premio della Critica all’ultimo Festival di Sanremo, con la sua band.

Gli artisti provenienti da tutta Italia hanno portato in scena con differenti stili musicali messaggi sociali forti, dedicati a diversi temi: La Malaleche, trio bergamasco, ha coinvolto con ritmi gitani il pubblico sulle note di “Siamo migranti”; Iza&Sara, duo cantautorale emiliano tutto al femminile, con il brano “Favola” ha portato in scena la sua incisiva denuncia contro la violenza sulle donne; Giorgia e Corinna, musiciste del duo acustico veneziano StorieStorte, hanno saputo emozionare raccontando la straziante realtà delle vittime della traversata del Mar Mediterraneo con il  pezzo “Mare nostro”; Giulia Ventisette, giovane musicista fiorentina, ha partecipato con il brano “Tutti zitti”, grazie a cui porta sul palco la sua volontà di difendere i diritti dei lavoratori. Il brano,che trae ispirazione anche dalla sua vicenda personale, le è valso oltre alla partecipazione al concorso il premio Under 35 di questa edizione.

Molto toccante anche l’intermezzo musicale di Waira, all’anagrafe Camilla Cristofoletti, giovanissima cantautrice sudtirolese, che ha stregato il pubblico con il suo timbro di voce caldo e ricercato.

Ha seguito l’attesissimo concerto di Mirko Mancini, in arte Mirkoeilcane. Il giovane artista reso celebre grazie al successo a Sanremo di “Stiamo tutti bene”, brano classificatosi secondo nella sezione Nuove proposte, si è presentato con le parole della sua stessa canzone “So’ cantautore”. Simpatia, talento e qualche intercalare in dialetto romano sono stati la formula vincente per conquistare applausi e cuore del pubblico presente.

Proseguono anche gli eventi dell’Extrafestival: i “Bagni al Moro” sono stati suggestiva location per la performance live di Carlo Valente, mentre la sera ha avuto luogo il laboratorio didattico per bambini dai 3 agli 11 anni organizzato da POP OUT, dedicato al tema della libertà.

Nicola Della Pasqua, responsabile della circoscrizione Veneto e Trentino Alto Adige di Amnesty International Italia ha ricordato inoltre l’obiettivo della campagna che quest’anno il festival promuove, “La solidarietà non è reato”, con cui Amnesty International vuole sfidare la criminalizzazione della solidarietà nelle sue varie forme. Individui e organizzazioni che aiutano rifugiati e migranti rispettano l’imperativo umanitario, anteponendo le persone ai confini e la legge deve sostenere e non opporsi alla loro azione.

Sul sito www.vociperlalibertà.it  si può trovare il programma completo delle prossime giornate, con la seconda semifinale sabato e la finale domenica. Gli artisti più attesi sono Enrico Ruggeri (sul palco sabato 21) e Brunori Sas, che si esibirà durante la serata conclusiva domenica 22. A condurre le serate Savino Zaba e Carmen Formenton.