11 luglio 2018 13:38

CASO NOMINE ASM SPA ROVIGO

“Certo, abbiamo scelto da soli. E potevamo farlo”

Il coordinamento comunale Pd vota un documento in cui difende la competenza di inserire Virna Riccardi in Asm spa


ROVIGO – Ancora mare mosso intorno alla vicenda della nomina di Virna Riccardi nel cda della municipalizzata Asm spa (LEGGI ARTICOLO), una scelta presa in autonomia dal Pd locale (LEGGI ARTICOLO) che ha fatto non poco arrabbiare il resto del Partito Democratico che, rappresentato dagli amministratori polesani, ha sottolineato la piena contrarietà alla scelta definita “del gruppo Romeo”, decretando anche di fatto la completa rottura interna tra aree del partito (LEGGI ARTICOLO).

E se da una parte c’è una parte del partito che promette la segnalazione agli organi di vigilanza nazionale, dall’altra il coordinamento comunale non molla la presa, anzi, si riunisce e approva senza voci discordi un documento con il quale di fatto ribadisce la bontà della scelta e sottolinea la competenza strettamente locale e non provinciale della vicenda. E quindi, l’assoluta libertà di potersi muovere in autonomia.

“In ottemperanza dell’ art. 12 dello Statuto del Pd – si legge nel documento approvato all’unanimità dei presenti – che attribuisce agli organi locali autonomia politica, programmatica, organizzativa e finanziaria in tutte le materie che lo Statuto non riservi alla potestà degli organi nazionali, il coordinamento comunale ritiene che l’indicazione di un componente di minoranza nel nuovo consiglio di amministrazione della società pubblica Asm Rovigo Spa, unicamente partecipata dal Comune di Rovigo, sia di stretta pertinenza politica dell’Unione Comunale di Rovigo”.

“Il Pd di Rovigo rivendica il diritto-dovere di partecipare alla vita politica ed istituzionale della Città non solo continuando a svolgere con coerenza e determinazione il proprio ruolo di opposizione in consiglio comunale ma assumendosi anche la responsabilità di indicare negli organi di gestione delle società partecipate  persone competenti e capaci, chiamate a rivestire un ruolo di vigilanza nell’interesse di tutti i cittadini rodigini. Con la ripresa autunnale il Pd rodigino assumerà iniziative programmatiche concrete, tese ad incontrare ed ascoltare cittadini, associazioni e categorie professionali ed economiche per condividere con essi idee e progetti che possano contribuire a far crescere Rovigo e a far recuperare nuova centralità politica al Partito Democratico”.

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.