22 luglio 2018 15:38

MALTEMPO VENETO E POLESINE

260 operazioni di soccorso e l’allerta meteo non è ancora finita

Altre criticità idrogeologiche colpiranno il Veneto, allarme valido fino alle 14 di domani, lunedì 23 luglio

ROVIGO – Proseguono gli interventi dei vigili del fuoco,  per il forte nubifragio che nella giornata di ieri ha interessato diverse zone del Veneto, Polesine compreso (LEGGI ARTICOLO): già eseguite oltre 260 operazioni di soccorso. Particolarmente colpita la città di Padova,  dove da ieri pomeriggio diverse squadre dei vigili del fuoco arrivate in supporto anche dai comandi limitrofi, hanno già eseguito oltre 150 interventi  per rimozione di alberi che hanno invaso la sede stradale, caduta di pali, cornicione, cartellonistica  ed elementi architettonici  pericolosi  oltre ai prosciugamenti. Ancora da evadere 130 richieste.

Venezia: eseguiti oltre 80 interventi  dal pomeriggio di ieri per liberare le strade da rami e pianti oltre a prosciugamenti. Principalmente interessati i comuni della Riviera del Brenta: Mirano, Mira, Dolo, Vigonovo, Stra, Fiesso d’Artico, Camponogara, Campagna Lupia, Cona, Cavallino Treporti, Santa Maria di Sala, Venezia. Ultimi due interventi in corso.

Rovigo: effettuati circa 30 interventi a fronte di oltre un centinaio di chiamate dal pomeriggio di sabato per piante e pali cartellonistica su sede stradale e prosciugamento. Molte richieste al momento dell’invio delle squadre le situazioni erano già risolte. Comuni interessati: Rovigo, Lendinara, Badia Polesine, Villanova del Ghebbo, Stienta, Loreo. Tutte le richieste sono state evase.

Ma purtroppo l’allerta meteo non è finita. Il possibile verificarsi di rovesci e temporali localmente anche intensi nelle prossime 24 ore ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare lo Stato di Attenzione per possibile criticità idrogeologica in alcune aree del Veneto.

L’avviso ha validità dalle ore 14 di oggi alle 14 di domani, 23 luglio e riguarda di bacini idrografici Alto Piave (Belluno), Piave Pedemontano (Belluno e Treviso), Po-Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige (Rovigo e Verona), Basso Piave-Sile-Bacino Scolante in Laguna (Venezia, Padova, Treviso), Livenza-Lemene-Tagliamento (Venezia e Treviso).