03 Giugno 2018 18:45

CICLOVIA TORINO VENEZIA

Vento bici tour: signori e signore, ecco a voi il Polesine

La seconda tappa da Ferrara ad Adria, lungo il Po, alla scoperta delle meraviglie del nostro territorio


ROVIGO – Meno chilometri, ma più natura da vivere nella seconda giornata del Vento Bici tour. Protagonista indiscusso dei 60 km percorsi durante il giorno è stato il tratto di Po polesano: dopo essere partiti da Ferrara (dove è terminata la prima tappa partita da Mantova, venerdì 1° giugno), infatti, abbiamo fatto una prima sosta a Polesella, per toccare poi Villanova Marchesana e infine raggiungere Adria.

Tanto l’entusiasmo dimostrato dagli abitanti dei vari comuni rivieraschi, che hanno accolto la carovana di Vento con sorprese e visite guidate alle proprie meraviglie nascoste.

A Polesella, ad esempio, i 200 partecipanti sono stati accolti dal sindaco Leonardo Raito all’attracco fluviale (LEGGI ARTICOLO) dove è stata inaugurata una parete appena colorata da street artists con murales che si sono esibiti nella loro performance. “Dedichiamo questa parete al maestro Trombetta e all’università Popolare di Polesella” ha detto, inaugurando la targa appesa al muro. “Crediamo fortemente nel progetto Vento – dichiara Raito – un’opportunità di sviluppo per il Polesine e per tutta Italia, con piacere vedo tantissimi piemontesi visitare questi luoghi”.

Proprio per favorire l’integrazione tra Comuni che, seppur diversi condividono lo stesso territorio, ho voluto fare tappa anche a Ro Ferrarese, esattamente di fronte a Polesella, dove si trova il locale Vento di Supa. Qui ho potuto conoscere Andrea Panini, artista che ha completamente riarredato il locale con opere eccentriche realizzate con materiale riciclato. Vi consiglio vivamente di visitare questa spiaggia segreta, con tanto di lettini e ombrelloni, in mezzo al Po.

Dopo altri 20 km di argine, spighe e papaveri è stata la volta di Villanova Marchesana, dove ci attendevano delle ottime mele da degustare sempre su un attracco fluviale. In questa oasi di pace è stato un vero piacere immergere i piedi stanchi da tanto pedalare nell’acqua gelida del Po, la cui corrente li massaggiava dolcemente.

Il tratto d’argine che separa Villanova da Adria è di una bellezza disarmante: da un lato il corso del grande Fiume illuminato dal sole, i pioppeti e le prime lagune, dall’altro prati infiniti di papaveri, spighe gialle e balle di fieno con scritto “I love Vento”.

Ad Adria, ad attenderci l’Istituto alberghiero con un buffet rinfrescante e la visita gratuita al Museo archeologico nazionale. Qui ho potuto approfondire la conoscenza con un gruppo di ragazzi ferraresi e polesani, chiamato Witoor, che ha curato tutto l’aspetto della logistica del Vento Bici Tour: trasporto delle bici, dei bagagli, guida della comitiva e riparazione delle biciclette. Si tratta di Simone Dovigo, Fabio Zecchi, Michela Guerra, Michele Pallara, Enrico Canella, Nicola Duò che ogni anno organizzano la Bike night di Ferrara, che quest’anno si svolgerà il 16 giugno. Si tratta di una pedalata non competitiva con partenza a mezzanotte da Ferrara per raggiungere i Lidi all’alba. Visitate il sito di Witoor per scoprire tutti i dettagli.

Caterina Zanirato

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.