21 giugno 2018 12:13

I.CONSULTING

Uniti contro le truffe: tutti i consigli utili

ARTICOLO SPONSORIZZATO


Domenica 10 giugno presso il Teatro parrocchiale di Crespino si è svolto un incontro con i cittadini da esperti dei vari settori, per affrontare e risolvere i piccoli problemi di tutti i giorni. Spesso le cronache riportano episodi in cui i criminali hanno approfittato della buona fede delle vittime: “Anziana derubata da finto operaio di una società telefonica”, “pensionati truffati da falsi Carabinieri”, ecc … Per non cadere in queste trappole può essere sufficiente prendere una semplice precauzione: non fate entrare in casa gli sconosciuti e non fidatevi delle apparenze!
Spesso si tratta di persone distinte, eleganti e gentili, che asseriscono di essere funzionari/impiegati di vari Enti (Poste, Comune, Aziende di Luce o Gas, Forze dell’ordine).

Un utile decalogo
Non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa.
Non mandate i bambini ad aprire la porta.
Prima di aprire la porta controllate dallo spioncino.
Prima di fare entrare chiunque, accertatevi della sua identità, fatevi mostrare il tesserino di riconoscimento e verificate al telefono la sua provenienza.
Non chiamate utenze telefoniche fornite dagli stessi interessati, potrebbe rispondervi un complice.
Diffidate delle persone che si spacciano per operatori di enti pubblici e privati: sanno come distrarvi e sottrarre i vostri averi.
Falsi Carabinieri: diffidate da chi si presenta a casa vostra senza un’uniforme, esibendo solo una falsa tessera di riconoscimento.
All’uscita dalla Banca/Posta: si avvicina un presunto impiegato, vi mostra il tesserino, e vi chiede di controllare se le banconote che avete appena ritirato siano autentiche. Ovviamente il denaro verrà ritenuto falso e sarà rubato.
La giacca sporca: donne o uomini con bambini o ragazzi, vi urtano rovesciandovi addosso una bibita, poi con la scusa di ripulirvi gli abiti, vi sfilano il portafoglio.
Falsi incidenti dello specchietto dell’auto: il truffatore provoca un piccolo incidente, scende mostrando i danni alla carrozzeria od allo specchietto della sua auto, chiedendovi di essere risarcito. Poi bonariamente vi chiede di “chiudere” la disavventura con una piccola somma di denaro in contanti: è una truffa! Si consiglia di non conservare la tessera bancomat vicina al relativo pin o inserire i dati completi nel telefonino, in quanto in caso di furto si evita che venga usato in modo improprio.

Consigli “in pillole”
In banca o in posta: fatevi accompagnare da qualcuno soprattutto se ritirate la pensione.
Durante la spesa o al mercato: non lasciate incustodita la borsa
In bicicletta: non riponete la borsa nel portaoggetti.
L’abbraccio: non fermatevi mai per dare informazioni a sconosciuti che poi vi ringraziano e vi abbracciano: attenzione, già vi hanno sfilato il portafoglio.
Falsi avvocati/carabinieri: si presenta o vi chiama al telefono un sedicente amico, un avvocato od un carabiniere asserendo che vostro nipote o figlio è in stato di fermo/arresto in una caserma, per la cui cauzione bisogna pagare una somma di denaro. Attenzione, è una truffa! Si offriranno di aiutarvi e accompagnarvi per prelevare il denaro: non accettate!

All’incontro sono intervenuti un consulente dell’Infortunistica stradale I.Consulting, i rappresentanti delle associazioni locali, un esperto del settore bancario e il parroco del paese di Crespino, don Graziano.

Ma cosa fare quando si è vittime di una truffa? Al minimo sospetto chiamare il 112 e per i casi di pertinenza, contattare Infortunistica Consulting di Rovigo, una struttura con esperienza pluriennale, leader nella gestione ed organizzazione di tutto l’ecosistema pratiche riguardanti richiesta danni, che fornisce assistenza legale stragiudiziale e giudiziale in ordine alle richieste risarcimento di tutti i danni (materiali – patrimoniali – fisici – morali) di colui che rimane coinvolto in una truffa, affiancandogli sempre una persona di riferimento per ogni necessità e chiarimento.

Per maggiori informazioni: [email protected], tel. 0425.1902188, Infortunisticaconsulting.com

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.