13 giugno 2018 11:36

ADRIA VERSO IL BALLOTTAGGIO

Omar Barbierato: “I nostri alleati? Come sempre i cittadini”

Riunione delle tre civiche che lo sostengono. L'esito: nessun apparentamento in vista del secondo turno

ADRIA – “Ieri sera ci siamo trovati in tantissimi, perché oltre ai 43 candidati c’erano molti altri sostenitori. Una grande famiglia che sta diventando grandissima man mano che passano i giorni”. Lo spiega il comunicato stampa di Omar Barbierato, candidato sindaco delle tre liste civiche Adria Civica, Siamo Adria e Impegno per il Bene Comune, il maggiormente votato al primo turno (LEGGI ARTICOLO).

“Abbiamo condiviso all’unanimità – prosegue – che la strada per il ballottaggio sarà in continuità col nostro percorso civico. Andremo avanti con le nostre forze e i nostri alleati ancora una volta saranno i cittadini. Non abbiamo nessun accordo o appoggio di partiti, siamo liberi di poter progettare con tutti quelli che vogliono impegnarsi per il Bene Comune. Vogliamo onorare la volontà degli adriesi, che il 10 giugno hanno espresso con grande chiarezza la loro necessità di cambiamento”.

“La nostra squadra è l’unica che possa assicurare ad Adria la stabilità necessaria che non c’è stata negli ultimi 9 anni. Non è una coalizione che somma voti di gruppi che non hanno condiviso nulla in questi nove anni, scontrandosi anche sul piano personale, ma un unico gruppo che lavora da anni al servizio dei Cittadini. Il nostro gruppo in questi anni si è preparato con serietà e dedizione ad amministrare misurandosi non solo col Consiglio Comunale, risultando uno dei gruppi più attivi e attenti a detta di tutti, ma soprattutto con la macchina comunale e gli uffici. E’ essenziale avere una competenza della struttura amministrativa per sapere come realizzare le nostre proposte programmatiche, nate proprio da questa essenziale esperienza”.

“Adria, il centro e le frazioni hanno potenzialità enormi che vanno valorizzate e pubblicizzate. Dobbiamo risvegliare e liberare gli entusiasmi e le energie dei Cittadini e delle Associazioni che sono il nostro cuore e la nostra forza, lavorando Insieme. Domenica 10 giugno gli adriesi hanno chiesto a noi di rispondere alle tante necessità piccole e grandi del territorio. Bisogna partire da lavoro, difesa e potenziamento dei servizi, decoro urbano, sicurezza, promozione del territorio”.

“Nei prossimi 5 anni la voce dei cittadini arriverà direttamente in consiglio comunale con i Comitati di frazione e di quartiere e attraverso il potenziamento delle Consulte in tavoli di concertazione per progettare, e tutti potranno dare il proprio contributo per il Bene Comune. Abbiamo l’occasione storica di poter costruire insieme un’amministrazione libera, a servizio dei cittadini, che coinvolga tutti e non lasci indietro nessuno, un’amministrazione trasparente ed aperta al contributo di tutti senza barriere ideologiche”.