27 giugno 2018 16:22

GIRO D'OPINIONI AD ADRIA

E’ un plebiscito: Barbierato sindaco piace a tutti

I cittadini intervistati al mercato danno fiducia al nuovo primo cittadino. Il motivo: rappresenta uno strappo con il passato

ADRIA – C’è poco da dire: la città ha risposto in massa. Basta fare un giro al mercato di Adria, chiedendo le opinioni dei passanti, per capire che Omar Barbierato è stato fortemente voluto come sindaco di Adria (LEGGI ARTICOLO) e che ora tutta la città ripone in lui la fiducia per un futuro migliore . Alcuni lo conoscono da tempo, altri non ne hanno mai sentito parlare, ma di certo tutti – o quasi – sono contenti che sia diventato primo cittadino: un po’ perché rappresenta uno strappo con il passato, un po’ perché il suo programma ha conquistato (LEGGI ARTICOLO).

“Personalmente non lo conosco, ma sono contento che abbia vinto lui – spiega un adriese -. L’importante è che non si torni indietro, alla vecchia politica o a chi c’era prima. Meglio il nuovo che avanza: la gente è stufa e vuole che qualcuno si occupi dei tempi importanti, come il sociale”. E’ proprio l’elemento “novità” che colpisce i cittadini: “Finalmente un cambio in Comune – commenta una signora -. E’ giusto lasciare spazio a uno nuovo, un giovane, che possa ridare ad Adria l’importanza che merita. Finora siamo andati sempre più in basso”.

Barbierato è sostenuto anche dai giovani: “Abbiamo molte aspettative in lui, lo abbiamo votato – dichiara una coppia -. Adria ormai è diventata un mortorio, speriamo che si dia vita a nuove iniziative e ci si preoccupi per il lavoro dei giovani”. Anche chi non l’ha votato gli dà fiducia: “Personalmente avevo fatto un’altra scelta, ma va bene così, piuttosto che vinca la destra. Ora lasciamolo lavorare e vediamo cosa fa, sperando che faccia il bene della città”.

I temi più sentiti dagli adriesi? “Spero sistemi l’ospedale – dichiarano alcuni passanti -, così come la casa di riposo. A noi anziani interessano queste tematiche. E poi spero che migliori Adria, crei posti di lavoro per i nostri nipoti”.