13 giugno 2018 19:30

MARDIMAGO

“Bonifica ferma da anni”

Interrogazione sul caso del "fluff"
Patrizia Bartelle, consigliera regionale dei 5 Stelle


ROVIGO – “Nella frazione di Mardimago, da almeno 20 anni si trova un sito inquinato da bonificare:  la discarica abusiva di fluff (resti non metallici del processo di frammentazione di automobili)”. Lo spiega la consigliera regionale dei 5 Stelle Patrizia Bartelle, che torna su una questione ormai in fase di stallo da anni.

“Il costo della bonifica – prosegue – è stato stimato in euro 1.360.985,59, di cui una parte (370.000,00 euro) è già stata versata dai responsabili dell’inquinamento, Edison spa e Acciaierie Venete spa,  mentre il residuo doveva essere conferito dalla Regione Veneto (come risulta dalla nota PG PG/2014/66202). Tuttavia dal 2015 – ossia da quando il progetto di bonifica è stato approvato – ad oggi, tre anni più tardi, i soldi della Regione non sono ancora arrivati e l’area rimane inquinata”.

“Sentiti i comitati locali che hanno ricordato come la situazione perduri ormai da più di due decenni, con incendi frequenti nella metà degli anni 90’, ovvero prima che parte dei rifiuti venisse trasferita altrove, e considerato come per la Regione Veneto la salute dei rodigini pare costituire un bene trascurabile (vedi, tra gli altri, lo stato del servizio sanitario, il proliferare di allevamenti animali e l’affare Coimpo), ho depositato un’interrogazione”.

E non e’ il primo documento che l’esponente grillina deposita a tutela della salute dei cittadini di Mardimago. “Ritengo necessario – prosegue Bartelle – che la Regione, dopo più di tre anni, chiarisca che ne è stato della cifra promessa per la bonifica, nella speranza che non si sia fatta marcia indietro sulla necessità di sanare questa situazione. Auspico che questa volta la Regione si degni di rispondere entro i termini previsti dal regolamento del Consiglio Regionale, ossia al massimo 40 giorni”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.