28 Maggio 2018 19:39

SUFFRAGIO UNIVERSALE

Emancipazione e memoria: a Bosaro la mostra sul primo voto delle donne

Curata da Antonella Bertoli, l'esposizione sarà inaugurata il 1° giugno alle 21


BOSARO – Venerdì 1° giugno alle 21 in Comune a Bosaro verrà inaugurata la mostra fotografica “Una giornata memorabile” che racconta per frasi ed immagini il 2 giugno 1946 quando le donne andarono a votare per la prima volta. La mostra, ideata e curata da Antonella Bertoli – che la presenterà – in occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, intende ricordare due fatti estremamente importanti per il nostro Paese: il referendum tra Monarchia e Repubblica e la partecipazione delle donne per la prima volta al voto.

Un accento particolare è posto al significato che le donne diedero a quel voto che non nacque sic et simpliciter da un atto legislativo, ma anche e soprattutto dall’impegno, dalla caparbietà e dalla volontà che tante donne, cadute ormai nell’oblio, misero per arrivarci.
I 24 pannelli di cui si compone la mostra – dice Antonella Bertoli – intendono far riflettere sul significato politico ma anche e soprattutto esistenziale che le testimoni di allora conferirono al voto. Quali furono i sentimenti e le posizioni assunte da coloro che furono chiamate a votare per la prima volta? Che cosa ci fu dietro a quel voto e a quel suffragio che per la prima volta fu ‘universale’? Quali e quante donne fecero la campagna elettorale, girarono l’Italia intera per convincere le ‘altre’ dell’importanza del voto?”.

La mostra è anche una ricognizione storica di ciò che fu il “femminismo” italiano dal suo sorgere, ma è anche un invito a riflettere se l’eredità che le “fondatrici” hanno lasciato è veramente stata colta oggi nella sua pienezza.
Alcuni accenni vengono posti anche a quelle donne che portarono avanti “la scandalosa questione femminile” nei partiti laici come il Partito socialista italiano e il Partito comunista italiano, l’Unione donne italiane, ma anche nelle formazioni religiose come l’Azione cattolica, il Centro italiano femminile e la Democrazia cristiana.
Saranno presenti il sindaco Daniele Pannella e il professore Pietro Callegarin, presidente Arci Rovigo.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.