14 maggio 2018 16:30

FESTIVAL DA NON PERDERE

Arte per la libertà: in Polesine le note di Diodato e Brunori Sas

Ritorna la manifestazione che unisce Voci per la libertà e DeltArte

ROVIGO – Dopo il grande successo della prima edizione, torna “Arte per la libertà, il festival della creatività per i diritti umani“. Si tratta di un festival nato dalla fusione di due grandi appuntamenti polesani: Voci per la libertà, una canzone per Amnesty, curato da Michele Lionello, e DeltArte, il Delta della creatività, curato da Melania Ruggini. Lo scopo di entrambi è quello di sensibilizzare le persone sul tema dei diritti umani attraverso l’arte, musica o qualsiasi forma artistica sia.

Il festival si svolge da aprile a luglio e quest’anno toccherà anche la provincia di Padova e di Ferrara. Tanti gli appuntamenti in programma, come spiega lo stesso Michele Lionello: “Arte, musica, cinema, presentazioni, opere teatrali, spettacoli di danza, murales: il calendario degli eventi è molto ricco. Si è iniziato con la proiezione del docufilm ‘Presi a caso’ e il progetto multimediale ‘Inalienabile’, e si proseguirà con l’esibizione di Diodato e Carlo Valente, una crociera sul Po, l’esibizione di Donne Perdute di Teatro Nexus. Il tutto si concluderà a luglio, con il gran finale, dove sarà protagonista a Rosolina Mare il vincitore del premio Amnesty International, con la sua canzone ‘Uomo nero’, Brunori Sas. Una canzone contro le discriminazioni”.

Il calendario completo degli appuntamenti si può consultare al sito internet di Arte per la libertà. Il primo, in programma, è questo sabato, 19 maggio, a Villadose con l’inaugurazione del murales di Centocanesio, a cui seguirà, a Rovigo l’esibizione all’interno del Festival Biblico di Diodato e Carlo Valente. Domenica 20 maggio, invece, gita sul Po in barca sempre con Carlo Valente e un’esibizione di danza.

CONSIGLIATI