16 aprile 2018 09:49

RUN FOR PARKINSON ADRIA

Si corre per sconfiggere la malattia

Domenica 22 aprile
Lo scorso anno, arrivarono in 700


ADRIA – C’è anche Adria, tra le decine di città in cui in tutto il mondo si correrà la nona “Run for Parkinson’s”, manifestazione podistica che coinvolge ogni anno decine di miglia di persone, per sostenere la ricerca sulla malattia di Parkinson.

Per la città polesana è il settimo anno di adesione all’iniziativa mondiale, che riscuote un successo crescente anche a livello locale. Nella sola Adria, l’anno scorso hanno partecipato oltre 700 persone, ben più dell’anno prima. Quest’anno la corsa non competitiva coinvolge oltre 20 città solo nel nostro paese e decine in tutto il mondo, tra Bolivia, Brasile, Spagna, Malesia, Messico, Nepal, Repubblica Dominicana e Stati Uniti. Nella scorsa edizione, i 40.000 iscritti all’evento hanno percorso 500 mila chilometri, contribuendo all’iniziativa di beneficenza per le persone con la malattia di Parkinson.

Ad Adria l’appuntamento è domenica 22 aprile, con la manifestazione promossa dall’associazione Parkinson Rovigo e dai Podisti Adria assieme a varie associazioni locali, con il sostegno di Hatria Giallorossa, sponsor di questa edizione. Le iscrizioni si possono effettuare fino a 10 minuti prima della partenza, oppure dal 18 al 21 aprile al negozio “Civico 71” in corso Vittorio Emanuele II ad Adria, dalle 17.30 alle 19. La quota di iscrizione è di 5 euro, che comprendono il premio di partecipazione e il ristoro finale.

La partenza è prevista per le 9.30 in piazza Cavour. Il percorso sarà di 10 chilometri, da effettuarsi in tre giri. Non essendo una corsa competitiva, può partecipare chiunque, a titolo individuale, con la famiglia, gli amici o i colleghi, percorrendo un solo tratto o l’intero percorso, secondo le proprie possibilità. Le manifestazioni avverranno in contemporanea in tutte le città.

L’anno scorso sono stati celebrati i 200 anni da quando, nel suo “Essay on the Shaking Palsy”, il medico inglese James Parkinson descrisse per la prima volta i sintomi della malattia, che oggi porta il suo nome. È una malattia neurodegenerativa, che provoca una progressiva perdita di controllo sul corpo, tremori, ma anche disturbi del sonno e depressione. In Italia i malati di Parkinson sono circa 300.000, per lo più maschi, con età d’esordio compresa fra i 59 e i 62 anni. Nell’ultimo ventennio si assiste ad un preoccupante abbassamento dell’età dell’esordio, tanto che ormai è abbastanza frequente (circa il 12%) la diagnosi della malattia di Parkinson sotto i 50 anni o addirittura sotto i 40 (3%).

L’Associazione Parkinson Rovigo coinvolge le persone con la malattia in varie attività, dagli incontri di mindfulness al tango argentino, dal tai chi chuan alla musicoterapia al canto corale, e ancora esercizi di logopedia e incontri individuali di ascolto e sostegno. Da alcuni mesi, inoltre, ha acquistato un pulmino, con cui garantisce un indispensabile servizio di trasporto ai malati di Parkinson, ma anche a persone anziane o ragazzi disabili. Il sito dell’associazione è www.parkinsonrovigo.it.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.