16 aprile 2018 12:28

TEATRO ADRIA

Enzo Iacchetti al Comunale tra musica e parole con “Libera nos Domine”

Lo spettacolo, venerdì 20 aprile alle 21, fa parte della rassegna Musikè


ROVIGO – Prende il titolo dalla canzone “Libera Nos Domine”, scritta da Francesco Guccini del 1978, lo spettacolo che Enzo Iacchetti, per la regia di Alessandro Tresa, porterà in scena venerdì 20 aprile alle 21 al Teatro Comunale di Adria per la settima edizione di Musikè, la rassegna itinerante promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

“Libera Nos Domine” è una pièce ironica e provocatoria, realizzata nello stile del teatro-canzone, che vede Enzo Iacchetti staccarsi dal tradizionale cabaret: solo sul palco, il noto conduttore e attore racconta la storia di un uomo “prigioniero dell’attualità” e desideroso di liberarsi dai dubbi sul progresso, sull’amore, sulla religione, sull’immigrazione.

La musica, eseguita dal vivo dallo stesso Iacchetti, attinge a piene mani dal meglio dei cantautori italiani: Enzo Jannacci, Francesco Guccini, Giorgio Faletti e, naturalmente, Giorgio Gaber, che di questa forma di teatro è considerato il maestro.
Le parole e le canzoni sono inoltre arricchite dalle proiezioni tridimensionali di Gaspare De Pascali, che danno l’illusione di vedere sul palco persone in carne ed ossa.

Il risultato è un complesso spettacolo multimediale in cui la “prigionia” del protagonista è affrontata con umorismo e sano gusto della provocazione, facendo ridere ma soprattutto emozionare.

«Dai poveri di spirito e dagli intolleranti/da falsi intellettuali, giornalisti ignoranti/da eroi, navigatori, profeti, vati, santi/ dai sicuri di sé, presuntuosi e arroganti/ dal cinismo di molti, dalle voglie di tanti/ dall’egoismo sdrucciolo che abbiamo tutti quanti/ libera, libera, libera, libera nos Domine!». (Francesco Guccini, Libera Nos Domine)

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.