17 aprile 2018 20:59

DALL'INFERNO DI AFRIN

Io, combattente per i curdi, vi racconto cos’è la guerra

Intervista a Marco, nome di battaglia “Gelhat Drakon”, in prima linea con l'Ypg


ROVIGO – Occhi scuri e profondi, voce rassicurante e sorrisi quasi malinconici. Marco si presenta così all’appuntamento in piazza XX Settembre, a Rovigo, martedì 17 aprile, per essere intervistato. E già alla prima domanda, fuori dai microfoni, un semplice “come stai?” per rompere il ghiaccio (dato che ci si vede per la prima volta), la risposta è folgorante: “Dai, mi sto riprendendo”. Basta questo a far capire che non sarà un’intervista come le altre, in cui si fanno domande quasi obbligate dalla quali ci si aspetta risposte altrettanto obbligate.
No, con Marco non è così. Perché lui è uno che ha combattuto una guerra. Sulle sue spalle di 23enne rodigino laureato a Bologna lo scorso agosto in Storia antica, c’è un carico che, fortunatamente, gran parte delle persone non può neanche lontanamente immaginare.

Marco, infatti, è tornato da pochi giorni da Afrin, in Siria, Paese che, proprio pochi giorni fa, ha subito un pesante bombardamento da parte di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. E’ stato nella città-simbolo della resistenza curda fino allo scorso 20 marzo, dopo essere partito da Rovigo il 23 settembre come volontario internazionale per combattere a fianco dei curdi nelle Unità di protezione popolare Ypg con il nome di battaglia di Gelhat Drakon. E da quando è tornato, proprio mentre ad Afrin la situazione stava precipitando, con i curdi piegati dalle forze turche e dalle milizie alleate, la sua missione è cambiata. Ora Marco si spende per la causa dei curdi raccontando la sua esperienza e facendosi portavoce di un ideale di società migliore, secondo il modello del confederalismo democratico che lui chiama “vera e propria fucina culturale” avanti anni luce sia per il Medioriente sia per la società cosiddetta “occidentale”, la nostra.
Ci crede così tanto che è arrivato al punto di prendere parte ad una guerra, in terra straniera, a fianco di un popolo in lotta da 40 anni, lontano dagli affetti più cari e rischiando la sua stessa vita. Marco ha creduto nel suo ideale e tuttora ci crede. Chi può dire altrettanto?

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.