30 marzo 2018 18:59

EVENTI ROVIGO

La “Half marathon” fa squadra con Uguali… diversamente

Alla manifestazione del 15 aprile anche i giovani nuotatori dell'associazione


ROVIGO – E’ tutto pronto per la quarta edizione della Rovigo Half Marathon, che si svolgerà domenica 15 aprile con partenza fissata alle 9.30 da piazza Vittorio Emanuele II. Un’importante appuntamento per tutti gli sportivi non solo polesani, ma di tutto il Veneto ed Emilia Romagna, dato che il percorso della mezza maratona, di 21 km, è inserito nel circuito competitivo internazionale.

Come di consueto, nella manifestazione sostenuta da Rovigobanca, si affiancheranno al percorso competitivo ufficiale altri percorsi dedicati agli amatori e alle famiglie: la stra cittadina da 10 km e la passeggiata per tutti di 5 km. Quest’anno, però cambieranno i percorsi: “Abbiamo voluto modificare le strade che percorreranno gli atleti e le famiglie, sia per far scoprire angoli nuovi della città, sia per metterli di fronte a prove diverse e migliorare i loro tempi di percorrenza” spiega Andrea Dissette, presidente di Rovigo Half Marathon Asd.

Importante novità, quest’anno, anche la collaborazione tra Half Marathon e l’associazione Uguali Diversamente, che parteciperà alla family run da 5 km con tutti gli atleti che frequentano i corsi di nuoto e che si sono resi protagonisti di imprese sportive negli ultimi anni. “Si tratta di una prima tappa di un percorso di collaborazione tra Uguali Diversamente e Rovigo Banca – spiega Paolo Bertante, presidente dell’associazione -. Non solo parteciperemo alla corsa con una maglietta personalizzata, unendo le forze per la promozione dello sport per i diversamente abili, ma avvieremo anche futuri progetti insieme”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.