16 febbraio 2018 16:51

CULTURA ROVIGO

Maggio Rodigino, un mese di grandi eventi in città

Martedì alle 18, in Comune, sarà presentato il bando per partecipare al cartellone delle iniziative 2018


ROVIGO – Torna il Maggio Rodigino. Dopo l’edizione del 2017, che ha rappresentato l’anno zero della manifestazione, il 2018 si presenta come la prima vera grande edizione. Si tratta del più grande progetto di eventi culturali e di spettacolo della città di Rovigo, organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo del Polesine in campo letterario, artistico e musicale, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, la Fondazione Banca del Monte di Rovigo e in collaborazione con il Comune di Rovigo.

Per tutto il mese di maggio, le piazze, le strade e i luoghi più affascinanti del centro storico si riempiranno di iniziative e di stimoli imperdibili per tutte le età, per il cuore e per la mente. Protagonisti scrittori, giornalisti, cantanti, musicisti e artisti che regaleranno emozioni, occasioni di riflessione e di nuovi incontri. Faranno faranno parte del Maggio Rodigino i quattro grandi festival culturali che si sono sviluppati tra il mese di maggio e il mese di giugno, ovvero Rovigoracconta, Contaminazioni, Festival Biblico e Rovigo Comics.

La grande novità di quest’anno è l’apertura alla città del Maggio Rodigino: potranno partecipare i progetti culturali e di spettacolo proposti dalle associazioni, dai cittadini e dalle attività commerciali del centro storico. Sul sito internet www.maggiorodigino.it sarà possibile scaricare un bando attraverso il quale si potrà presentare il proprio progetto di qualità, che sarà esaminato da una commissione. I progetti approvati verranno poi inseriti nel calendario degli eventi 2018 e saranno seguiti da uno staff di professionisti – tutti under 40 – per la loro realizzazione, entreranno nella comunicazione del Maggio Rodigino e avranno un ufficio stampa dedicato. Il Comune di Rovigo metterà a disposizione gratuitamente le sale di sua competenza e gli spazi pubblici.

Il bando sarà presentato alla città in un incontro pubblico che si svolgerà martedì 20 febbraio, alle 18, all’interno della sala consiliare del Comune di Rovigo, a cui sono invitate a partecipare tutte le associazioni, le attività commerciali e i privati cittadini interessati.

“Dopo la pionieristica edizione del 2017, nel 2018 il Maggio Rodigino avrà la sua prima vera edizione caratterizzata da un’apertura al territorio – spiega Virgilio Santato, presidente della Fondazione per lo Sviluppo del Polesine – offrendo a quanti privati o associazioni vorranno essere presenti con le loro proposte un bando, che sarà la novità e lo strumento per fare della città una comunità colta. Un mese, una stagione, una grande occasione perché di Rovigo ne parlerà l’Italia intera”.

Il Maggio Rodigino è realizzato con il sostegno della Fondazione Cariparo e della Fondazione Banca del Monte di Rovigo, Credem, Rovigo banca, Unindustria e altri sponsor privati. “La Fondazione Cariparo sostiene questa importante iniziativa culturale ritenendola un progetto capace di attrarre a Rovigo un pubblico numeroso, favorendo la conoscenza del territorio e promuovendo nel contempo la crescita culturale” commenta Willy Pagani, consigliere della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo”.

“L’idea del Maggio Rodigino è nata ormai due anni fa e sono davvero contento che sia arrivata alla sua prima grande edizione – spiega Luigi Costato, presidente della Fondazione Banca del Monte di Rovigo – Sono certo della sua riuscita perché è stato affidato a mani eccellenti, ovvero la Fondazione per lo sviluppo del Polesine e a giovani vivaci e pieni di spirito di iniziativa”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.