12 gennaio 2018 10:11

VENEZIA

Vendemmia 2017, meno quintali ma più qualità



VENEZIA – Compiere investimenti in nuovi mercati, investire su iniziative consortili per spingere verso la sostenibilità e chiedere una revisione dei regolamenti comunitari sul sistema delle autorizzazioni. È quanto chiede Confagricoltura alla luce dei dati regionali sulla vendemmia 2017 presentati a Lonigo da Veneto Agricoltura, Regione Veneto e Avepa.

“Il 2017 si chiude con una produzione regionale di 11 milioni di quintali di uva, in calo del 15% rispetto ai 13 milioni di quintali del 2016, a causa delle gelate primaverili – dice Christian Marchesini, presidente della sezione vitivinicola di Confagricoltura Veneto -. Ci sono però molti fattori positivi che ci devono indurre a un lavoro sempre più coordinato e mirato per non tarpare le ali al grande dinamismo delle aziende vitivinicole venete. Il primo è il trend di crescita qualitativa, attestato dalla percentuale dell’80% delle doc e docg sulla produzione complessiva, dovuto al forte successo del Prosecco, del sistema Valpolicella e del debutto del Pinot Grigio delle Venezie e della doc Garda. Il secondo fattore è il valore regionale dell’export di 2 miliardi, che fa del Veneto la prima regione italiana. Questi dati ci fanno ritenere che la produzione qualificata ci porta a crescere e perciò dobbiamo sfruttare il momento per ampliare il nostro raggio d’azione, non limitandoci ai soliti mercati come il Nord America e il Nord Europa, ma compiendo massicci investimenti dove non siamo presenti, come il Sud Est asiatico”.

Un altro fattore positivo riguarda la crescita degli impianti: “Il vigneto veneto continua a crescere in modo importante, con quasi il 5% in più di impianti che ci portano a quota 91.000 ettari – osserva Marchesini -. Questi numeri evidenziano l’incapacità del nuovo sistema di autorizzazioni di soddisfare la grande dinamicità del Veneto, concedendo solo l’1% per cento annuo. Come Confagricoltura chiediamo fortemente una revisione dei regolamenti comunitari, altrimenti si rischia di soffocare l’imprenditorialità veneta, pronta a recepire le richieste di mercato”.

Ultimo fattore di riflessione, la crescita del biologico: “Con la vendemmia 2017 il Veneto produrrà 80 milioni di bottiglie biologiche, pari al 7% della produzione regionale – rimarca Marchesini -. Questo significa che il sistema agricolo regionale si sta impegnando moltissimo sulla viticoltura sostenibile, in quanto sono gli stessi mercati, in prim’ordine Nord Europa e Nord America, a richiedere vini biologici e ad andare incontro alle richieste dei consumatori, che vedono di buon occhio la conversione dell’agricoltura da convenzionale a sostenibile. Per questo sollecitiamo la Regione a spingere le iniziative consortili, in modo che tutto il Veneto abbracci sempre di più la sostenibilità”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.