12 gennaio 2018 14:15

CONTRIBUTI PARITARIE

“Tagli inaccettabili, materne a rischio”



ROVIGO – Pieno sostegno alle scuole paritarie. Il senatore Bartolomeo Amidei (FdI) interviene nella querelle che ha visto coinvolti nei giorni scorsi nientemeno che il vescovo di Chioggia monsignor Adriano Tessarollo da un lato della barricata e il deputato Pd Diego Crivellari dall’altra.

“Inammissibile quanto operato dal Governo nazionale – così Amidei – che vede nell’onorevole il suo più alto rappresentante in loco. All’ultimo momento e in punta di piedi, quasi ci si rendesse già conto da soli del danno che si andava a fare, togliere soldi alle materne paritarie è un fatto grave, senza precedenti. Oltretutto, e in questo mi trovo perfettamente in linea con il bravo vescovo di Chioggia, perché, visto che sempre in zona Cesarini si son trovati invece soldi per le banche, si sottraggono quei 50 milioni che rappresentano un pezzo dell’istruzione primaria e quindi della formazione dei nostri bambini? Così facendo si son messe in secondo piano le famiglie a vantaggio di altri ben più forti interessi prerogativa di pochi privilegiati: l’interesse dell’istruzione in generale deve venire prima di tutte quelle marchette e vantaggi che questo Governo ha inserito deliberatamente nell’ultima legge di bilancio che si sono approvati da soli”.

Per il senatore, “l’aver fatto venire meno quel tipo di contributo è un errore grave, anche se a far male è stata soprattutto la modalità con cui l’esecutivo ha ritenuto di intervenire, senza informare il Parlamento. Una caduta di stile che si aggiunge al danno procurato: lo dico e voglio ripetermi, senza quei soldi tanti asili che hanno funzione non solo formativa ma anche sociale e aggregativa, sono fortemente a rischio. È inconcepibile…”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.