10 gennaio 2018 21:19

CYBERBULLISMO ADRIA

Il poliziotto in prima linea spiega come difendersi



ADRIA – Lotta senza quartiere al cyberbullismo. In questa battaglia che Rotary club, Soroptimist e Ulss 5 Polesana hanno intrapreso insieme, una prima fase di attacco ha per protagonista Domenico Geracitano che parlerà agli studenti domani, 11 gennaio, ad Adria all’Istituto di istruzione superiore Polo Tecnico.

Geracitano è collaboratore tecnico capo della Polizia in servizio alla questura di Brescia, da anni impegnato nella lotta al cyberbullismo. È inoltre autore dei libri “Internet un nuovo mondo. Costruiamolo” e “Pensa per postare”.

Questo, nel dettaglio, il programma della giornata: al mattino, alle 10.40, incontro con gli studenti delle classi prime del Polo tecnico, all’auditorium “C. Saccenti” di via Aldo Moro, nel pomeriggio, alle 14.30, incontro con gli insegnanti, nell’aula magna, sempre in via Aldo Moro. Dopo aver incontrato gli studenti e gli insegnanti, Domenico Geracitano sarà ancora presente per incontrare le famiglie e i cittadini alle 20.30 sempre all’auditorium “C. Saccenti”.

Durante l’anno scolastico avrà quindi luogo la seconda fase costituita dalle attività formative a cura degli insegnanti formati nella prima fase. L’obiettivo è quello di aiutare i giovani a comprendere che internet è una risorsa culturale che può essere utilizzata per approfondire aspetti legati al mondo scolastico. Si lavorerà su aspetti legati alla sicurezza in rete, alle informazioni che in questa si possono trovare, cercando di sviluppare nei giovani la consapevolezza ed il senso critico rispetto a quello che osservano nel web. Gli studenti seguiranno inoltre le attività sui diversi argomenti formativi: bullismo, cyberbullismo e web-reputation.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.