11 gennaio 2018 17:34

ULSS 5 POLESANA

Influenza, contro il picco ecco la task force



ROVIGO – L’influenza non da tregua? E allora l’Ulss 5 corre ai ripari, tanto da far costringere il dg Antonio Compostella a creare un gruppo di lavoro per affronterà il picco atteso di qui a febbraio. L’azienda dichiara quindi guerra al virus ora che è giunto il momento più delicato con una degenza lunga e dolorosa e ricoveri in tutti gli ospedali pubblici e nelle strutture convenzionate.

I tre ospedali di Rovigo, Adria e Trecenta stanno reggendo bene l’urto con una rodata regia di entrata nei Pronto soccorso e ricovero (quando se ne riscontra la necessità) nelle divisioni dedicate dopo l’osservazione breve, mentre le cure primarie in collaborazione con i medici di medicina generale, le case di riposo stanno lavorando alacremente per dare la migliore assistenza ad ammalati e sofferenti. In Veneto, l’ultima stagione influenzale 2016-2017 ha registrato il picco di intensità nel mese di gennaio e nelle prime due settimane di febbraio e ha colpito circa 380mila residenti con 55 casi gravi, che hanno richiesto il ricovero in terapia i intensiva, e purtroppo 8 decessi (i nel 2014-2015 furono 40): quest’anno le prime proiezioni in Polesine sono più preoccupanti.

“Ringrazio le strutture private con noi convenzionate per il supporto in questi giorni, in queste ore difficili per tutti – così Compostella – se necessario, e se arriverà un momento ancora più duro, limiteremo o fermeremo i ricoveri programmati nelle strutture ospedaliere per agevolare e accogliere i ricoveri da sindrome influenzale”. Il primo messaggio urgente da diffondere alla popolazione tutta, dopo la riunione dello staff provinciale interstruttura è di correre, per chi non ha ancora sintomi a vaccinarsi contro l’influenza: ci sono infatti ancora dosi disponibili, benché ne siano state distribuite già migliaia (quelle acquistate sono state circa 60mila).

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.