12 gennaio 2018 09:59

CULTURA ROVIGO

Fita, il teatro amatoriale sbarca in città



ROVIGO – Sabato 13 gennaio inizia la tradizionale rassegna di teatro amatoriale promossa da Fita Rovigo (Federazione italiana teatro amatori) giunta alla decima edizione. Apre il sipario la compagnia di Polesella diretta da Massimo Mazzetti con “Amore… Amore… A more tanta zente” ovvero “Con tutto il bene che ti voglio”. “I 7 Moli Ars et Bonum” mette in scena una allegra commedia di Luciano Lunghi che ricorda per certi aspetti la pochade, genere di commedia nata a Parigi nell’Ottocento, in cui i colpi ad effetto e gli intrighi si reggono su un canovaccio di sentimenti contrastanti. Affronta, con sottile ironia, problematiche quali la crisi di coppia, la morte e la freddezza della nostra società di fronte ad essa.

Allo scopo di mettere fine ai continui litigi con moglie e suocera, Mauro, con l’aiuto dell’amico medico, organizza un piano che farebbe impallidire qualsiasi terapista di coppia ma chi
gioca col fuoco (e con le donne) si, spesso resta scottato. Nella vicenda si susseguono diversi personaggi che all’apparenza possono sembrare macchiette umoristiche ma in realtà sono espressione dell’odierna società.

Questo primo appuntamento di “Incontriamoci a Teatro” è in calendario presso il Teatro Duomo di Rovigo con repliche il sabato sera alle 21 e la domenica pomeriggio alle 16.30.
È possibile acquistare i biglietti a posto unico a 6 euro presso la canonica del Duomo, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 oppure direttamente in teatro: la biglietteria è aperta il sabato dalle 16 e la domenica dalle 15. Info: segreteria del Duomo (0425 22861) oppure 335 7687770, [email protected] o [email protected]

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.