02 Dicembre 2017 16:55

LEGGE DI BILANCIO

Rigassificatori, Amidei contro l’emendamento-vergogna



ROMA – Durissimo intervento di Bartolomeo Amidei contro il governo Gentiloni. Il senatore di FdI, prendendo per primo la parola in aula all’apertura della discussione generale sulla legge di bilancio mercoledì 29 novembre ha definito “vergognoso” l’emendamento Santini all’articolo 63 comma 3 bis con cui si va a beneficiare i rigassificatori stabilendo che IMU, TASI e quanto possa essere ricondotto a questo tipo di tassa, non sia pagata sugli impianti a mare.

Amidei non ha lesinato mezzi termini per definire quest’emendamento “una vergogna che penalizza i Comuni e quindi i cittadini, togliendo risorse utili per la collettività solo per avvantaggiare quei soliti pochi attraverso ignobili ‘marchette’ per chi sa quali motivi. Tutto ciò è inaccettabile e mi batterò perché non debba essere accettato”. Il senatore bassopolesano contestualizza anche in chiave locale: “Penso ad esempio al caso di Porto Viro, dove pur vincendo in Cassazione contro il rigassificatore, con quest’emendamento del governo Pd, oggi i annulla una sentenza che dava ragione al Comune”.

Quanto a Santini, si è addirittura premurato di scrivere ad Amidei: “Intendo chiarire rispetto alle preoccupazioni sollevate sugli effetti negativi della norma, che è mia intenzione fare in questi giorni tutte le ulteriori verifiche necessarie per chiarire gli effetti della norma, precisando fin d’ora che ho già comunicato al gruppo Pd della Camera dei Deputati che qualora emergessero dalle verifiche conseguenze negative in particolare sulla finanza locale dei Comuni, la norma dovrà essere modificata o soppressa.”

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.