07 Dicembre 2017 16:52

PATRIMONIO DELL'UMANITA'

Pizza, ora serve una legge sulla professione



ROMA – “Il riconoscimento Unesco? Motivo di grande soddisfazione anche perchè sulla professione del pizzaiolo avevo già presentato un disegno di legge, preso come testo base e che ora può, anzi deve ripartire con rinnovato vigore”.

Il senatore Bartolomeo Amidei (FdI) interviene e sollecita la Commissione competente al Senato, nel giorno in cui il prodotto più noto e celebrato del Belpaese diventa patrimonio immateriale dell’umanità: “Una grande notizia che dà ancora più forza al mio ddl, il 2280 del marzo 2016, volto invece al riconoscimento della qualifica professionale vera e che a maggior ragione, adesso, può dare un riconoscimento all’artigiano, anzi, all’artista che va a cimentarsi nella preparazione di una pizza”.

Da Amidei arriva forte l’auspicio che “entro la fine di questa legislatura ormai agli sgoccioli si possa approvare il testo di quel mio disegno che è già preso a modello da tutte le principali associazioni di categoria del settore a livello mondiale. Anche perchè, se non fossimo per primi noi a dare un inquadramento giuridico a questa figura professionale ma fosse invece un altro Paese d’Europa o del mondo, che figura ci faremmo? Guai, non potremmo mai perdonarcelo da italiani…”.

Insomma, il concetto è chiaro: se la pizza ora diventa a tutti gli effetti un’arte riconosciuta a livello mondiale, non può che essere italiana la primogenitura sulla norma che andrà a disciplinare le regole per qualificare ancora di più e formalmente questo lavoro. “Lo studio sulla conservabilità degli alimenti, la qualità degli ingredienti, le sue caratteristiche organolettiche, i tempi corretti di lievitazione ma anche l’approccio a livello base delle lingue straniere, non possono prescindere da qualcosa che viene elevata a patrimonio del mondo. Quella legge – chiude il senatore – rappresenta il background ed il futuro in cui la figura del pizzaiolo deve muoversi anche perchè tutto ciò va a vantaggio del prodotto finale, la pizza, e quindi in primis della tutela del consumatore”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.