04 dicembre 2017 18:18

PRIMA SCUOLA A ROVIGO

Arte danza pronta spegnere le 50 candeline

Eccellenza riconosciuta anche a livello nazionale


ROVIGO – Compie mezzo secolo di vita lo studio di danza più antico di Rovigo. Oggi conosciuto come “Arte Danza Rovigo“, diretto da Nabila Zaia, è stato fondato nel 1954 da Sandra Olgiati, ex ballerina della Scala di Milano. Qui, Mara Zampirollo, madre di Nabila, inizia a studiare e proprio lei, nel 1968 lo rilancia e farà poi definitivamente decollare.

Da allora tantissime generazioni di ballerine, o aspiranti tali, sono passate di qui e ragazzine di ogni età hanno studiato e imparato i primi passi di danza classica. Qualcuna è riuscita a fare poi di questa passione la propria professione, diventando etoiles, altre hanno invece seguito un percorso diverso e altre strade professionali. In ogni caso, si tratta di una delle scuole di danza più conosciute non solo a Rovigo, ma a livello nazionale, una vera e propria eccellenza di casa nostra.

Nel corso degli anni, ovviamente, anche il modello di insegnamento è cambiato: ora si sono aperte le porte anche ad altre discipline come la danza moderna, la danza contemporanea, l’hip hop. Da sette anni, inoltre, sono proprio le ragazze di Arte Danza a fare da cheerleader allo stadio Battaglini per la Femi-CZ Rugby Rovigo Delta. Dal 2003 a prendere le redini della scuola è Nabila, figlia di Mara, praticamente cresciuta respirando quest’ambiente. “Cambia la didattica, con il tempo, ma non cambia la nostra anima – spiega -. Studiare danza classica o contemporanea è importante perché è una vera e propria disciplina che insegna tante cose sulla vita, un po’ come le arti marziali: non si raggiungono risultati senza applicarsi e senza sforzo”.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.