Pet corner

27 novembre 2017 21:45

PET CORNER

Gatti e insufficienza renale, ecco cosa c’è da sapere



di Andrea Feliciati (*)

L’insufficienza renale cronica (IRC), denominata anche patologia renale, è una delle malattie più comuni che colpiscono i gatti.
L’IRC può dipendere da cause congenite o acquisite , cioè conseguenti a malattie (immunodeficienza felina, peritonite infettiva felina, forme tumorali ed esposizione a sostanze tossiche le più comuni) che colpiscono in parte o totalmente il rene.

La malattia può colpire gatti di tutte le età ma è più comune nei gatti anziani: circa il 20% dei gatti sopra i 15 anni di età ne è affetto.
Nella maggior parte dei casi si tratta di una malattia ad andamento progressivo e la velocità nella progressione della malattia varia da individuo a individuo. L’insorgenza dei sintomi può essere subdola o improvvisa. Sono presenti sintomi aspecifici come depressione, debolezza, disidratazione, perdita di peso e altri sintomi che colpiscono diversi apparati: a livello gastrointestinale possono essere presenti stomatite (infiammazione della mucosa del cavo orale), anoressia, nausea, vomito e diarrea, a livello di sistema urinario si osservano quelli che abitualmente sono i primi sintomi riferiti dai proprietari dei gatti che sono polidipsia (si vede il gatto bere molto più del solito) e poliuria (aumento della quantità di urine emesse, anche se a volte i gatti urinano in ambiente esterno per cui non è semplice da valutare), a livello cardiovascolare e neuromuscolare possono esserci alterazioni più o meno rilevabili.

Per diagnosticare la malattia è necessario effettuare alcuni esami strumentali. Solitamente vengono eseguiti esami di urine e sangue. In alcuni casi il veterinario può valutare l’utilità di ulteriori approfondimenti diagnostici.
In caso di diagnosi di insufficienza renale il veterinario valuterà a seconda del caso l’utilizzo di una dieta specifica, di farmaci o entrambe le soluzioni. Una dieta bilanciata (esistono anche diete commerciali) può ridurre gli effetti dell’IRC e rallentare l’avanzamento della malattia consentendo al gatto una buona qualità di vita.

(*) libero professionista, presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Rovigo, direttore sanitario del Rifugio CIPA di Fenil del Turco

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.