10 ottobre 2017 15:53

AMBIENTE

Un fine settimana dedicato al turismo della lentezza

Dal 13 al 15 ottobre va in scena It.A.Cà. per scoprire un Polesine diverso


ROVIGO – Nell’anno internazionale del turismo sostenibile indetto dall’Onu, sbarca per la prima volta a Rovigo It.A.Cà., il festival del Turismo responsabile. Si tratta di un’iniziativa che si svolgerà dal 13 al 15 ottobre e coinvolgerà tutto il Polesine, partendo dal capoluogo e passando per alcune caratteristiche zone lungo il Po, come Bosaro, Polesella, Guarda Veneta. 

Tante le iniziative proposte per scoprire il nostro territorio in  modo rispettoso e “lento”, capirne i colori, i profumi e la storia, che sono state presentate oggi, martedì mattina, nella sede dalla Fondazione Cariparo dalle amministrazioni e dalle associazioni coinvolte nel progetto. Il festival avrà inizio venerdì 13 ottobre alle 9.30 con un convegno a palazzo Roncale, Turismo verde tra ruralità e sostenibilità a cura di Gal Polesine Adige, Itaca, Università di Ferrara. Si proseguirà poi con una serie di appuntamenti su tutto il territorio: mostre, escursioni in bicicletta, camminate, caccia al tesoro. Per conoscere l’intero programma visitate il sito internet o la pagina Facebook di It.A.Cà.

Simona Zedda, segretaria di It.A.Cà nazionale spiega le finalità del progetto: “Vogliamo promuovere un’idea di turismo più responsabile – spiega – più etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive, sviluppando un’immagine unitaria del territorio in chiave di sostenibilità e responsabilità”.

Presenti anche il presidente della Fondazione Cariparo, Antonio Finotti, Rossella Ruzza, presidente associazione TeraDamar, il sindaco di Bosaro, Daniele Pannella, e i rappresentanti del comune di Rovigo e di Polesella.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.