17 ottobre 2017 18:21

GIOVANI E DIPENDENZE

La prima sbornia? A dodici anni

La nuova moda tra i ragazzini: mix letali di alcol e antidolorifici


ROVIGO – L’età in cui ci si avvicina alle sostanze stupefacenti è sempre più bassa. Dopo le notizie di cronaca degli ultimi giorni, che hanno visto il ritorno di alcuni spacciatori davanti alle scuole polesane, e la morte di un giovane per overdose a Villadose, a intervenire sulla questione dipendenze è il direttore del Sert di Rovigo, Marcello Mazzo. Non si tratta di un’emergenza, spiega, ma “senza dubbio l’età in cui ci si avvicina al mondo delle dipendenze si sta abbassando: parliamo di contatti già a 12 anni, con le prime sbornie di alcol.

Altro problema assai grave, racconta Mazzo, è la creazione costante di nuove droghe sintetiche, la cui diffusione è incontrollabile a causa di internet. Degli ultimi mesi la notizia, ad esempio, della creazione di una nuova metamfetamina al gusto di cannella. Infine, la nuova moda del momento è abbinare più sostanze insieme a partire dall’abuso di alcol, vero collante tra sostanze per chi ricerca lo sballo. Senza contare l’abuso di antidolorifici, medicine legali, a base di sostanze oppiacee.

“Bisogna distinguere tra chi soffre di dipendenza  e chi ne fa uso – commenta Mazzo – che sono due fenomeni molto diversi. Ovviamente le dipendenze sono le situazioni più pericolose, che creano danni importanti e danno vita a situazioni drammatiche. L’uso invece è pericoloso per la salute, soprattutto in età giovane, perché condiziona lo sviluppo fisico e delle facoltà cognitive”.

Un piccolo appunto poi sulla liberalizzazione delle droghe leggere: “Non sono d’accordo – spiega Mazzo – la marijuana è molto pericolosa in età giovanile. Ma non sono d’accordo nemmeno su una politica troppo restrittiva, che creebbe situazioni controproducenti. E’ un tema delicato, che deve essere trattato caso per caso”.

 

 

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.