12 ottobre 2017 13:38

GAVELLO

Agorà, vent’anni al servizio della disabilità



GAVELLO – Compie vent’anni l’associazione Agorà di Gavello, che sabato invita ad un incontro per fare il punto sui traguardi raggiunti e su quelli all’orizzonte.

Si intitola “Volontariato ieri e oggi. E domani?” l’incontro che si terrà sabato 14 ottobre, alle 9.30 nella sala “S. Beda” in piazza XX settembre a Gavello, con interventi di esperti vicini all’associazione. Nata a Gavello nel 1997, l’associazione ha dato vita inizialmente a un centro d’ascolto, creando poi servizi per persone adulte con disabilità, come il Centro diurno per disabili nel territorio comunale, poi passato sotto la gestione dell’azienda sanitaria. Nel 2014 ha promosso la creazione della comunità alloggio “Casa degli alberi”, rivolta a persone con disabilità.

L’incontro ripercorrerà questa storia e metterà a confronto diverse voci sul ruolo e le ricadute che ha avuto il volontariato, ma soprattutto su ciò che potrà realizzare nell’attuale contesto e in questo tessuto sociale. Dopo l’introduzione del sindaco di Gavello, Diego Girotto, e di Giuseppina Mantovani, presidente dell’associazione, seguiranno gli interventi di Lucia Cominato, fra i fondatori e prima presidente del Centro Servizi Volontariato, Luca Dall’Ara, direttore del Csv, Maria Chiara Paparella dell’Ulss 5 Polesana, Mirella Zambello, presidente dell’ordine degli Assistenti sociali del Veneto, e Luigi Frigato, assistente sociale.

Successivamente, saranno presenti per un contributo i rappresentanti di alcune realtà associative che operano con le persone disabili: Leda Bonaguro, presidente dell’associazione Pianeta Handicap di Rovigo, Leonardo Peretto dell’associazione Down Dadi di Adria e Claudio Cantù della cooperativa sociale “Società dolce” di Bologna. Al termine della mattinata, ci si ritrova alla comunità alloggio per un aperitivo di ringraziamento tra tutti i partecipanti.

DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.