13 Agosto 2017 10:45

UNITÀ DI CRISI 

Tromba d’aria, 178 interventi in 48 ore 



ROVIGO – E’ ancora emergenza dopo la tromba d’aria che ha messo in ginocchio buona parte del Bassopolesine. Tutti i vigili del fuoco di Rovigo, dove è stata istituita l’unità di crisi, anche nelle ultime ore sono impegnati sul territorio di Albarella, Rosolina, Porto Viro e Taglio di Po per mettere in sicurezza abitazioni ed aziende colpite dall’uraganao di giovedì 10 agosto.
In supporto anche mezzi e uomini dai comandi provinciali di Verona, Padova, Belluno, Mestre e Treviso per un totale di una cinquantina di mezzi dispiegati in tutta l’area. Oggi, 12 agosto, i pompieri sono intervenuti presso la base di terra dell’Adriatic Lng di Porto Levante, dove il vento ha scoperchiato il capannone che ospita l’elicottero utilizzato per raggiungere i terminal in Adriatico. Un intervento delicatissimo che si aggiunge a decine di interventi minori, ma necessari come lo sgombero di vie secondarie dalla presenza di alberi, e la messa in sicurezza di solai e abitazioni.
L’ispettore Massimo Mazzucato, che coordina l’unità di crisi, spiega che al 115, nelle ore seguenti alla tromba d’aria, sono arrivate più di 400 chiamate, per un totale di 178 interventi in 48 ore, e con in coda, alle ore 13 del 12 agosto, qualcosa come ancora 221 interventi. Le emergenze riguardano soprattutto alberi caduti addosso ad abitazioni (Albarella) e sopra auto e camper. Ma sono stati molti anche i tralicci precipitati a terra. Ben 14 le barche recuperate al largo di Rosolina. Nel corso  dei vari interventi, i pompieri hanno salvato anche un gattino rimasto intrappolato tra i rami di un albero pericolante.
DISCLAIMER:
I tuoi commenti agli articoli saranno gestiti dalla piattaforma 'Disqus' attraverso i login dalla stessa previsti.
Ti rinviamo alla piattaforma ed ai Social che ne permettono l'accesso per quanto attiene l'informativa in materia di trattamento dei dati.
Noi non abbiamo una gestione diretta delle informazioni ma potremo impedire la loro pubblicazione qualora a nostro insindacabile giudizio non rispettino il codice etico del giornale.

Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e/o ai seguenti servizi aggiuntivi. Dichiaro altresì di avere preso visione della Policy Privacy all'apposita sezione del sito.
Si autorizza espressamente al trattamento dei dati forniti per le finalità connesse al servizio richiesto e le comunicazioni commerciali.