La festa scudetto continua: appuntamento alle 19

Rovigo, Rovigo e dintorni, Rugby, Sport |

I protagonisti della vittoria, 16° uomo compreso, celebreranno la vittoria del campionato dei Bersaglieri, insieme a quella dell'Under 18. Prima i giocatori saranno ricevuti in Comune, poi l'aperitivo in Gran Guardia

la gioia rossoblù è incontenibile

Le festa non si ferma: la gioia rossoblù è incontenibile

ROVIGO – «Siamo noi, siamo noi, i campioni dell’Italia siamo noi»: la festa continua. E stasera dalle 19 sbarca in piazza Vittorio Emanuele II. Dopo la festa “privata” fra giocatori e staff all’Hotel Petrarca, il 12° scudetto dei Bersaglieri verrà celebrato nel cuore della città da tutti i protagonisti, 16° uomo compreso, ovvero il tifo rossoblù.

Se qualcuno, infatti, pensava che la febbre da scudetto fosse passata dovrà ricredersi. La Rovigo rossoblù è ancora ammalata. Ammalata di folle gioia. Dopo 26 anni passati a sognarlo e desiderarlo, non uno ma ben due scudetti sono piovuti sul mondo del rugby rodigino. Sabato 28 a diventare campione d’Italia è stata la squadra d’Eccellenza, uscita vincitrice da una partita da brividi contro il Calvisano. Domenica 29 l’Under18 della Femi CZ ha replicato il film, posizionandosi sul grandino più alto del podio italiano.

Due vittorie che hanno letteralmente mandato fuori di testa i tifosi, increduli e soddisfatti allo stesso tempo. Un premio più che meritato, se non altro per l’attesa di oltre un quarto di secolo prima di tornare a mettere la propria firma nel grande libro della storia del rugby. Basta passeggiare per le strade della città per rendersi conto di come, ancora oggi, i rodigini abbiano il vero e proprio bisogno di continuare a festeggiare.

Dalle case ancora pendono le bandiere rossoblù, attaccati ai muri si possono trovare striscioni e cartelloni. Qualcuno continua a passeggiare indossando fieramente la maglia dei Bersaglieri, quasi a voler rimarcare che no, con la mente non ha ancora smesso di essere là, allo stadio, a gridare ai propri eroi. Impossibile quindi rinunciare ad un nuovo momento di incontro tra i sostenitori e le squadre, impossibile pensare di non condividere ancora una volta quella gioia inebriante che solo una Rovigo innamorata del pallone ovale può provare.

L’appuntamento è fissato per stasera, mercoledì 1 giugno. A partire dalle ore 19 gli atleti saranno ricevuti a palazzo Nodari, dove il sindaco Massimo Bergamin e la giunta comunale li accoglieranno. Successivamente si trasferiranno tutti presso la sala della Gran Guardia, dove la festa continuerà fino alle ore 24. Qui si uniranno i ragazzi dell’Under 16, anche loro giunti in finale proprio quest’anno. Un’occasione imperdibile per tutti i cuori rossoblù, ultima chiamata per salutare i giocatori e lo staff prima della meritata pausa estiva. Con la speranza, ovviamente, che questo sia il preludio di una stagione ancora più appassionante, emozionante e, ovviamente appagante.

M.B.

Condividi ora!


Lascia un commento

In Video