09 marzo 2018 21:42

CENTRO STORICO ROVIGO

Rinasce il Macallan’s, definiti criteri per assegnazione

ROVIGO – Nuova vita per piazza Annonaria. Definiti i criteri di assegnazione del box numero 10, ovvero il locale che un gran numero di rodigini ricorda come il Macallan’s pub, prima che fosse chiuso. Lo ha comunicato l’assessore ai Lavori pubblici Antonio Saccardin, spiegando che dopo l’assegnazione, avvenuta lo scorso anno, dei box 1,5,7,17, sono stati messi in manifestazione d’interesse anche il 6 e l’8. Quest’ultimo è stato assegnato alla ditta Aqua che offrirà un servizio di noleggio biciclette.

Nel frattempo è stato deciso che il box 10 sarà messo in manifestazione d’interesse per l’esercizio esclusivamente di attività di somministrazione di alimenti e bevande. L’area è di circa 118 mq, tra il piano terra e il primo piano, inoltre, chi vorrà potrà chiedere di usufruire anche di un altro box adiacente, situato al primo piano che potrà essere collegato attraverso una porta, di ulteriore 42 mq.

Dal 1° gennaio 2018 è previsto un abbattimento della tariffa di affitto del 30%, ossia da 10 a 7 euro a mq; questo vale anche per chi c’è già. Considerando che chi prenderà in gestione il box dovrà sostenere le spese di sistemazione, l’amministrazione ha deciso di prevedere la possibilità di usufruire di un canone ridotto al 50%, per il periodo di tempo che verrà definito in sede di gara.

I criteri per l’assegnazione sono: canone mensile di locazione (offerte in aumento da confrontarsi con il canone annuo posto a base d’asta calcolato sulla base di 7 euro al mese per mq), offerte in aumento alle 7 euro; utilizzo anche del locale adiacente; durata della concessione (in anni, privilegiando le durate più brevi); durata del periodo a canone ridotto (privilegiando le durate più brevi).
Chi, in base ai criteri, si aggiudicherà l’assegnazione, dovrà presentare il settore Lavori pubblici, il progetto esecutivo dei lavori che intende eseguire, entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione definitivo, il progetto poi verrà inoltrato alla Sovrintendenza dei Beni Architettonici per l’autorizzazione.