31 gennaio 2018 18:47

ESPERTI DI VINO ROVIGO

Venti nuovi sommelier proclamati a Rovigo

Si è concluso l'esame del terzo livello dell'Ais alla trattoria al Ponte di Lusia

ROVIGO – Venti nuovi sommelier a Rovigo. Questa mattina, all’interno della trattoria Al Ponte di Lusia, si è svolto l’esame di terzo livello dell’Ais, Associazione Italiana Sommelier, che ha visto nominare 20 rodigini come sommelier dopo un percorso di studio durato circa due anni, che li ha portati a conoscere il mondo del vino e dell’enologia. Commissario d’esame era Roberto Gardini, noto sommelier e docente alla scuola di cucina Alma di Parma, affiancato dal delegato Ais di Rovigo, Carlo Moretti.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti dagli allievi di quest’annata – spiega Moretti -. Segno inequivocabile che l’impegno è molto e l’interesse per il mondo del vino è crescente. L’esame è duro e non banale, c’è stato qualcuno che non ce l’ha fatta, ma siamo soddisfatti perché la maggior parte si è fatta trovare pronta per questa sfida. Ora inizia la vera avventura nel mondo Ais e del vino. E da febbraio inizieranno i nuovi corsi, sia di primo livello, sia di secondo livello, per arrivare poi al prossimo anno con ulteriore esame e altri nuovi sommelier”.

Con lui, Roberto Gardini: “Ais da sempre è in prima linea per promuovere la conoscenza e la corretta informazione sul mondo del vino e della degustazione – spiega il sommelier romagnolo -. Cerchiamo di promuovere ed espandere questa sensibilità con numerose iniziative e diventare sommelier è solo il primo passo. Mi congratulo comunque con questi giovani, appassionati o che lavorano nel settore, per il loro impegno e lo studio che hanno impiegato per raggiungere questo traguardo. La delegazione di Rovigo riserva sempre belle sorprese e il livello di preparazione degli iscritti è sempre molto alto”.

Caterina Zanirato

CONSIGLIATI