Breaking news
MORIRE DI LAVORO / Milano come Ca’ Emo: tre operai soffocati da esalazioni tossiche
12 gennaio 2018 18:34

Galà dello sport veneto con Malagò, Rovigo c’è

Una delegazione polesana guidata dal delegato Taschin parteciperà all'evento a Padova

ROVIGO – Sarà il presidente del Coni nazionale Giovanni Malagò il gran cerimoniere del “Galà dello sport veneto” organizzato dal Coni regionale lunedì 15 gennaio a Padova. Un grande evento ospitato dalle 18 nell’Aula Magna del Bo, in via VIII febbraio. Nella prestigiosa sede universitaria il numero uno del Coni consegnerà le benemerenze sportive più prestigiose del Coni a 62 atleti, tecnici, dirigenti e società sportive di tutto il Veneto. Saranno distribuite, nel dettaglio, le Stelle d’oro e d’argento al merito sportivo, le Medaglie d’oro o d’argento al valore atletico e le Palme al merito tecnico.

Anche Rovigo sarà protagonista della manifestazione. Tra i benemeriti figura infatti Alessandro Camisotti di Porto Viro, che nel corso del 2016 si è classificato al terzo posto nel Campionato mondiale di tiro a volo specialità fossa universale a squadre. Giovanni Malagò gli consegnerà la Medaglia d’argento al valore atletico, ma già nel 2015 il Coni Point di Rovigo gli aveva assegnato la Medaglia di bronzo per il titolo europeo vinto nella stessa disciplina. A Padova la nostra provincia sarà presente anche in platea con una rappresentanza del Coni Point Rovigo guidata dal delegato provinciale Lucio Taschin. Il “Galà dello sport veneto” andrà così a completare la bellissima cerimonia organizzata al Palazzo Roncale di Rovigo lo scorso novembre per la consegna delle benemerenze di bronzo agli sportivi polesani.

“La presenza di Malagò – spiega Gianfranco Bardelle, presidente del Coni Veneto – attribuisce ancora maggior lustro a questo Galà dello sport. Saranno premiati personaggi e società che hanno scritto e scrivono pagine importanti dello sport nella nostra regione, che, lo ricordo, come mole di attività e di risultati è seconda solo alla Lombardia. Giovanni Malagò conosce bene la realtà sportiva del Veneto e ha voluto essere presente proprio per portare a questi atleti, tecnici e dirigenti il proprio saluto e quello del Coni”.