Pet corner

18 gennaio 2018 13:53

PET CORNER

Cane incustodito, quali conseguenze

 di Luca Marchiori (*)

Specialmente chi abita nei paesini di campagna (ma purtroppo anche chi vive in centro città) assistite spesso alla scena del cagnolino del signor Tizio che gira indisturbato per i campi o per le strade. Questa “usanza”, fortunatamente sempre meno comune, viene spesso giustificata con frasi come “è abituato così”, “lascia che viva libero” o “tanto torna sempre a casa da solo”. Oltre ai gravi ed evidenti pericoli per l’animale, a quali conseguenze va incontro il proprietario dell’animale vagante che causa un danno ad un terzo?

La risposta varia a seconda che il danno sia solo nei confronti delle “cose” o anche nei confronti delle persone. Nel primo caso il proprietario dell’animale è obbligato esclusivamente a risarcire il danno ai sensi dell’articolo 2052 del Codice civile, salvo che riesca a dimostrare che la fuga dell’animale è stata dovuta ad un caso fortuito ed imprevedibile. Qualora invece il danno sia stato causato nel periodo in cui l’animale era affidato alla custodia esclusiva di un altro soggetto (es. dog sitter o pensione), sarà quest’ultimo a dover rispondere in caso di danno a terzi, in quanto unico soggetto nella concreta possibilità di vigilare sull’animale e di gestirlo fisicamente.

Nel caso in cui, invece, il cane causi danni a terze persone, il soggetto che avrebbe dovuto vigilare sull’animale risponderà dei reati ex articolo 589 del Codice penale (omicidio colposo) o 590 dello stesso (lesioni personali colpose) a seconda che dall’evento dannoso sia derivata la morte o una lesione personale del soggetto terzo coinvolto. Non risponderà, invece, del reato di danneggiamento ex art. 635 c.p. in quanto il nostro ordinamento non prevede l’ipotesi di danneggiamento colposo.

In ogni caso, viste le possibili e gravi conseguenze che possono derivare dalla omessa custodia di un animale, i consigli pratici per i proprietari di cani sono due: 1) custodire il cane in modo responsabile; 2) stipulare una polizza assicurativa che comprenda anche il rischio di eventuali danni causati dall’animale a terzi.

(*) Avvocato Lega Nazionale per la Difesa del Cane sez. di Rovigo