Breaking news
RAPPORTO CHOC / Pedofilia, Unicef stima che 53% vittime di abusi ha meno di 10 anni
05 dicembre 2017 19:02

Strenne handmade per la Fondazione Città della Speranza

Allo showroom Costruzioni Orizzonte i lavori delle “Penelopi” in vendita dall'8 al 10 dicembre

ROVIGO – Torna per il terzo anno consecutivo, “Ricamiamo la speranza”. L’evento a favore della ricerca pediatrica “Città della speranza Onlus”, in programma dall’8 al 10 dicembre, cambia location. Questa edizione si terrà all’interno dello showroom Costruzioni Orizzonte in vicolo Leoncino in piazza Vittorio Emanuele II.

Saranno esposti per la vendita addobbi, strenne natalizie, ricami, realizzati da volonterose e generose signore che hanno deciso di mettere a disposizione le loro capacità, in un nobile gesto di altruismo. Il ricavato verrà devoluto alla Fondazione Città della speranza, gemellata con Rovigo, che opera nel campo della ricerca per la cura delle malattie dei bambini.

Ancora una volta, Patrizia Rava, Nadia Bassan e Paola Bettinelli, chiamate le “Penelopi”, mettono a disposizione il loro impegno e la loro professionalità, per un nobile gesto. “E’ una data importante – ha detto l’assessore ai Gemellaggi Susanna Garbo – i lavori sono ammirevoli sia in termini di impegno che di produzione. Siamo felici di sostenere questa lodevole iniziativa e auspichiamo che molti cittadini partecipino”.

In rappresentanza della Fondazione Città della speranza era presente Francesco Malin che ha sottolineato come, grazie anche a persone come le “Penelopi”, la ricerca possa andare avanti. “Attualmente la Fondazione ha 295 ricercatori, con le donazioni di privati molti hanno potuto ritornare in Italia. Oggi, grazie alla ricerca, 9 bambini su 10, guariscono dalla leucemia. Ringrazio le promotrici di questo progetto e il Comune che è gemellato con la Fondazione Città della speranza”.

I lavori esposti, come ha spiegato Rava, saranno simili a quelli degli anni passati, ma con qualche novità, frutto di ulteriori collaborazioni. “C’è un associazionismo molto vivace che ci ha aiutate e supportate”. L’intero ricavato sarà devoluto alla Fondazione città della speranza.

Il sindaco Massimo Bergamin, ha rivolto un plauso alle tre signore promotrici di una iniziativa così bella che va a favore soprattutto di bambini meno fortunati. “E’ un gesto di solidarietà e amore – ha detto – una grande testimonianza di come ognuno di noi possa agire per il bene degli altri, mettendo a frutto le proprie capacità e la propria inventiva. Grazie Penelopi”.
L’esposizione resterà aperta dall’8 al 10 dicembre con i seguenti orari: 9-12.30 e 15.30-19.30.